Crotone, guardie giurate in sciopero: azienda non le paga da tre mesi

CROTONE – Hanno scioperato davanti i cancelli della Syndial sulla statale 106 i dipendenti crotonesi dell’Istituto Istituto di vigilanza diurna e notturna di Catanzaro. Si tratta di 18 dipendenti dell’azienda che nel crotonese svolge il servizio di vigilanza – armata e non – ai siti Syndial (Cirò Marina, Belvedere Spinello e Crotone), all’aeroporto ed all’Inps. Vantano stipendi da marzo, la tredicesima 2017 ed un ritardo anche in 5 rate di quattordicesima del 2015.

“L’azienda – ha detto Armando Labonia di Filcams Cgil – lamenta problemi di disponibilità economica ai quali non crediamo. Esiste un accordo regionale che è scaduto proprio il 16 maggio sul recupero delle mensilità arretrate anche su altri territorio dove le difficoltà  sono più pesanti, ci sono almeno otto mensilità arretrate.  Stiamo attendendo un incontro, richiesto come segreteria regionale Filcams Cgil, al prefetto di Catanzaro”.

I dipendenti raccontano di aver sempre dato disponibilità all’azienda di posticipare di qualche settimana i pagamenti. Adesso invece la situazione si è aggravata e non è più sopportabile. Molti di loro lavorano alla vigilanza dei siti Syndial da oltre dieci anni ed anche per questo hanno scelto di attuare la loro protesta davanti alla sede della multinazionale Eni che, tengono a precisare, li ha sempre tutelati. Le guardie giurate hanno affermato che la loro protesta, se non ci saranno risposte da parte dell’azienda proseguirà ad oltranza.