Delrio si smuove: il 19 gennaio incontro sugli aeroporti calabresi

La prima ad annunciarlo è stata la sottosegretaria Dorina Bianchi: “il ministro Delrio, come mi aveva già assicurato, ha convocato per giovedì 19 gennaio alle 9.30 presso il ministero delle Infrastrutture una riunione per affrontare la questione degli aeroporti di Crotone e Reggio Calabria”. Poco dopo è arrivata risposta del governatore della Calabria: “Su richiesta del presidente della Regione Mario Oliverio, è stata convocata, per giovedì prossimo, 19 gennaio, nella sede del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, una riunione per esaminare la situazione del sistema aeroportuale calabrese”.

Al di là della solita stucchevole corsa ad attribuirsi i meriti, di positivo c’è il fatto che finalmente tra pochi giorni a Roma si discuterà degli aeroporti calabresi. Quello di Reggio soprattutto, come si evince dalla stessa nota della Regione laddove ci informa che sarà affrontata in primis la questione Alitalia “in rapporto agli orientamenti manifestati dalla stessa società di soppressione dei voli sull’Aeroporto dello Stretto. Il presidente Mario Oliverio ha già ribadito al ministro Graziano Delrio come non sia possibile che la Città metropolitana di Reggio Calabria ed il bacino di utenti della città di Messina restino privi della possibilità di raggiungere le città e le regioni italiane”. Solo dopo ci informa di aver contattato il presidente di Enac, Vito Riggio, “per sollecitare un’accelerazione delle procedure di aggiudicazione dei servizi per la gestione dell’Aeroporto delle Stretto e di Crotone” dal momento che “la Calabria non può rinunciare a nessuno dei tre aeroporti calabresi”. Troppa grazia, presidente.

Sal canto suo Dorina Bianchi ci ricorda che “il problema aeroportuale calabrese è ormai una questione dirimente per lo sviluppo economico della regione. Le infrastrutture sono strategiche e fondamentali per il rilancio del turismo in Calabria. È, dunque, necessario e importante far vivere gli aeroporti di Crotone e di Reggio Calabria insieme a quello di Lamezia Terme”.

All’incontro romano saranno presenti tutti i soggetti interessati, da Enac ai sindaci di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, e Crotone, Ugo Pugliese, e i rappresentanti sindacali.