Elezioni, Crotone corre ai ripari: sostituiti 26 presidenti e 48 scrutatori

CROTONE – Sono 26 i presidenti che hanno rinunciato all’incarico nelle 76 sezioni elettorali (74 ordinarie e 2 – ospedale e casa circondariale – speciali) istituite sul territorio del comune di Crotone e per i quali si è resa necessaria la sostituzione. Il dato più alto, pari al 35%, che si ricordi a memoria d’uomo. Oltre il 71% delle sezioni (50 su 74) ha dovuto fare anche i conti con le defezioni degli scrutatori: poco prima dell’insediamento, in programma alle quattro di oggi pomeriggio, ne mancavano all’appello  48 su un totale di 296, pari al 16%. La situazione si va ora via vai normalizzando dopo che il comune ha proceduto al cambio di coloro che hanno rinunciato all’incarico. Le sezioni sono tutte al lavoro, nel completo rispetto delle disposizioni di sicurezza anticovid19. Domani si vota normalmente, i seggi apriranno alle 7 e chiuderanno alle 23; inoltre lunedì dalle 7 alle 15. Le rinunce non sono motivate, ma vengono la maggior parte collegate ai timori di contagio, oltre che alle indennità basse per le quali si pensa che molti abbiano ritenuto che non valga la pena rischiare.