Elezioni Crotone, Correggia: io corro da solo ma la colpa non è mia

CROTONE – “Io corro da sola e la colpa non è mia”. E’ quanto afferma il candidato a sindaco del Movimento cinquestelle di Crotone Andrea Correggia confermando che nelle scorse settimane ci sono stati effettivamente una serie di contatti per valutare l’ipotesi di un’alleanza per le elezioni comunali di settembre. “A𝗯𝗯𝗶𝗮𝗺𝗼 𝗽𝗿𝗼𝘃𝗮𝘁𝗼 𝗮𝗱 𝗮𝗽𝗿𝗶𝗿𝗲 𝘂𝗻 𝗱𝗶𝗮𝗹𝗼𝗴𝗼 𝗰𝗼𝗻 𝗮𝗹𝗰𝘂𝗻𝗲 𝗹𝗶𝘀𝘁𝗲 𝗰𝗶𝘃𝗶𝗰𝗵𝗲 (solo alcune) 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗰𝗶𝘁𝘁𝗮̀” spiega Correggia ma ogni volta la richiesta era sempre la stessa: “se io fossi stato disponibile a fare un passo indietro come candidato sindaco per favorire la nascita di una coalizione”. E la risposta – aggiunge Correggia – è stata sempre la stessa: sì”.

La disponibilità al passo indietro – rivela ancora l’esponente cinquestelle – si sarebbe dovuta tradurre “in un passo in avanti della proposta elettorale, ma in realtà la discussione finiva lì” perché 𝒍’𝒖𝒏𝒊𝒄𝒐 𝒑𝒂𝒔𝒔𝒐 𝒊𝒏𝒅𝒊𝒆𝒕𝒓𝒐 𝒅𝒐𝒗𝒆𝒗𝒐 𝒇𝒂𝒓𝒍𝒐 𝒊𝒐, 𝒆𝒅 𝒊𝒍 𝑴𝒐𝑽𝒊𝒎𝒆𝒏𝒕𝒐 5 𝑺𝒕𝒆𝒍𝒍𝒆 𝒅𝒐𝒗𝒆𝒗𝒂 𝒆𝒔𝒔𝒆𝒓𝒆 𝒓𝒊𝒅𝒐𝒕𝒕𝒐 𝒂𝒅 𝒖𝒏𝒂 𝒔𝒐𝒓𝒕𝒂 𝒅𝒊 𝒔𝒑𝒆𝒄𝒄𝒉𝒊𝒆𝒕𝒕𝒐 𝒑𝒆𝒓 𝒍𝒆 𝒂𝒍𝒍𝒐𝒅𝒐𝒍𝒆. Hanno cercato solo uno stratagemma per fare numeri in termini elettorali”. In sostanza, ragiona Correggia, i potenziali alleati avrebbero voluto beneficiare dei consensi del M5s ma mettendo un loro candidato a sindaco. “𝗠𝗮𝗶 𝗻𝗲𝘀𝘀𝘂𝗻𝗼 𝗵𝗮 𝗽𝗮𝗿𝗹𝗮𝘁𝗼 𝗱𝗶 𝗽𝗿𝗼𝗴𝗿𝗮𝗺𝗺𝗶… e tantomeno nessuno ha pensato a figure terze di garanzia per questo eventuale progetto politico nuovo. Ognuno voleva mettere ed imporre il proprio candidato di riferimento. Il mio passo indietro, serviva solo al loro passo avanti”.

“Insomma si cercava di fare la lotta al sistema di potere crotonese con gli stessi metodi usati fino ad oggi. Tant’è vero che una delle motivazioni che mi è stata posta, se non la sola, per convincere la lista del movimento a sostenere il leader di turno (perché il sostegno doveva essere dato prima al leader e poi forse ad un programma) è stata la convenienza politica. La morale della favola è che vi verranno a raccontare che loro hanno tante liste a sostegno. Come se questo fosse segno di buon governo”.

Parole durissime, quelle di Correggia che tuttavia non spiega quali siano le liste con le quali era stato avviato il dialogo. Escluso che possa trattarsi del Pd con il quale i cinquestelle in città non hanno mai avuto buoni rapporti, le liste ‘indiziate’ potrebbero essere quelle che fanno riferimento al comitato Liberi per Crotone e più specificamente a Filippo Sestito che con Correggia, proprio in occasione della presentazione ufficiale del comitato, aveva avuto una corrispondenza di amorosi sensi. Sebbene alla fine Sestito sia stato indicato come candidato a sindaco da un altro comitato: quella per la provincia della Magna Grecia. Indicazione che, tuttavia, ha l’aria di un bluff.