Elezioni, San Luca torna al voto dopo undici anni

SAN LUCA (REGGIO CALABRIA) – Dopo undici anni si torna al voto a San Luca, in Calabria. Sono due le liste, entrambe civiche, che si confronteranno nella sfida elettorale: Klaus Davi sindaco di San Luca, con candidato a sindaco il massmediologo che da qualche anno ha abbracciato la causa democratica del piccolo comune preaspromontano, e San Luca ai sanluchesi, con candidato a sindaco Bruno Bartolo, infermiere in pensione. La lista di Davi è composta da dieci candidati e quella di Bartolo da 12.

L’ultima legislatura comunale, scaturita dalle elezioni svoltesi nel 2008, a San Luca – noto prima come il paese dei sequestri e, più recentemente, per la faida tra le cosche Pelle-Vottari e Nirta-Strangio culminata con la strage di Duisburg del 15 agosto 2007 che provocò sei morti – venne interrotta il 17 maggio del 2013, una settimana prima delle elezioni comunali, a seguito dello scioglimento dell’ente per infiltrazioni mafiose. All’epoca era sindaco l’avvocato Sebastiano Giorgi.

Da allora, a causa della mancata presentazione di liste elettorali o della presentazione di una sola lista che avrebbe poi fallito l’obiettivo del quorum di votanti, il Comune è stato retto ininterrottamente da un commissario prefettizio