Europee: nei comuni crotonesi la Lega prima a Cutro, vola a Isola e Cirò Marina

frodi, ue, calabria, colaf

La Lega primo partito a Cutro, secondo partito ad Isola Capo Rizzuto e Cirò Marina, i tre comuni più popolosi ed importanti della provincia di Crotone. E’ questo il dato sorprendente che regalano gli scrutini delle Europee anche se c’è da precisare che in questi due centri è andato a votare meno del 30% degli aventi diritto.

A Cirò Marina, dove il Movimento 5 Stelle raccoglie un bel 35,65% (10 punti un più rispetto al 2014), ma è la Lega a volare con il 24,08%: e pensare che cinque anni fa era appena all’1,30%. I partiti strutturati sul territorio confermano la crisi di identità con il Pd che passa dal 33% del 2014 al 16,53% del 2019. Continua il crollo di Forza Italia che non supera il 10% (nelle consultazioni del 2014 era al 24%). A conferma che le idee sovraniste fanno breccia tra gli elettori il dato di Fratelli d’Italia che dal quasi 2% del 2014 passa ad un importante 8,66% di oggi.

Stessa analisi si può fare per Isola Capo Rizzuto. Se il Movimento 5 Stelle resta avanti (con il 32%) la Lega arriva a sfiorare il 30% con un balzo incredibile rispetto a 5 anni fa quando aveva ottenuto lo 0,66%. Sono i voti che arrivano in parte da Forza Italia che – pur essendo il terzo partito nel comune con il 14,17% – perde ben 20 punti di percentuale rispetto al 2014 quando era primo partito con il 34%. Il Pd è appena sotto di qualche decimale (14,17%) ma anche i dem perdono 12 punti rispetto a cinque anni fa.

A Cutro la lista di Salvini, con 788 voti (28,79%) supera di pochissimo il Movimento cinque stelle che raccoglie 767 voti (28,02%). Lontano il Pd (16,08%), Cresce anche qui Fratelli d’Italia che sfiora il 10%.