Crotone, arriva il parere positivo della commissione: la fiera è autorizzata

CROTONE – La fiera è stata autorizzata. La riunione svolta alla Capitaneria di porto nel mattino del 14 maggio- dopo il sopralluogo nell’area fierisitca – ha dato parere favorevole. Restano da sistemare alcune piccolezze (come le fascette per tenere legate le transenne nella zona verso il mare) ma adesso non ci sono più problemi per la sicurezza.

La fiera mariana lunedì 13 era stata interdetta al pubblico dopo la sospensione da parte della Commissione dell’autorizzazione, per via del mancato rispetto di alcune prescrizioni di sicurezza (leggi su il Crotonese digital edition). La fiera nel pomeriggio di lunedì 13 maggio era stata autorizzata in via provvisoria  mentre la ditta affidataria del servizio di organizzazione, la La Rosa Fiere, con l’ausilio dei tecnici di Akrea e dei vigili urbani, ha iniziato ad eseguire le opere necessarie per superare le prescrizioni che, però erano troppe.

In pratica – ha spiegato nel corso di una conferenza stampa l’assessore comunale alle attività produttive, Sabrina Gentile – non erano stati rispettati gli spazi di sicurezza dal mare nell’area fieristica installata al porto; non erano illuminate alcune uscite di sicurezza e le distanze tra gli stalli non rispettavano la normativa essendo inferitori a 3.50 mt. E’ anche accaduto – ha spiegato l’assessore – che alcuni dei titolari degli stalli hanno occupato posti diversi da quelli assegnati e così ci si è trovato in alcune zone con le bancarelle troppo vicine. La responsabile comunale delle attività produttive ha anche detto che alcuni commercianti che stavano a bordo mare hanno spostato i loro camion restringendo la carreggiata lasciata per il passaggio dei mezzi di soccorso.

“La ditta alla quale è stata affidata la realizzazione della fiera non aveva ottemperato alle prescrizioni – ha detto l’assessore Gentile nella conferenza stampa del 14 maggio -. Il Comune perché non ha vigilato? Perché noi avevamo affidato il servizio ad una ditta esterna ed era loro competenza. conoscevano le prescrizioni e dovevano ottemperarle. Non so se sia successo un corto circuito tra di loro, ma lunedì ci siamo trovato in questa situazione. Forse ha sottovalutato la dimensione della fiera mariana. Certo la problematica è stata ingigantita, perché stamattina l’abbiamo risolta in modo positivo senza patemi”.

L’assessore Gentile assicura che ci saranno continue verifiche sull’area e annuncia: “Con la giunta dovremmo capire cosa fare nei confronti della azienda. I 160 mila euro dati per la realizzazione della fiera rappresentano i costi che il Comune sosteneva per organizzare la fiera negli anni precedenti. Somma che sarà coperta dalla tassa per l’occupazione di suolo pubblico che pagano i commercianti per cui non avrà alcun costo per i cittadini. Dalle previsioni l’incasso superava i 160 mila euro”.

Su eventuali risarcimenti o sconti ai commercianti che non hanno potuto aprire come previsto i loro stand. “Si è trattato di 4 ore di mancata vendita – ha detto l’assessore – perché la fiera doveva essere posizionata domenica 12 e poi dopo il sopralluogo della commissione previsto il 13 mattina avrebbe potuto aprire se avesse ricevuto il parere positivo. Ha aperto alle 18 con l’autorizzazione provvisoria”.

Riguardo alle dimissioni chieste dal movimento 5 stelle, l’assessore Gentile ha spiegato. “Io sono aperta al dialogo con il sindaco. Se il sindaco dovesse decidere la revoca rispetterò la sua decisione”.