Finisce pari il derby di promozione tra Strongoli e Isola

STRONGOLI 1
ISOLA CAPO RIZZUTO 1

Marcatori: 34’ Milone; 55’ Gatto.
Strongoli: Scaccianoce, Andreacchio, Gerace, Benincasa F., Perrotta, Ceraudo, Trisolino (dal 63’ Comito), Turano, Zito, Tangaro (dal 65’ Benincasa G.), Milone C.. Allenatore: Pietro Martino.
Isola Capo Rizzuto: Macrì, Maiolo, Piccinino, Colosimo, Ranieri, Milone D., Bruno, Barberio, Piperis, Anellino (dal 67’ Cerrelli), Gatto.

STRONGOLI 1
ISOLA CAPO RIZZUTO 1

Marcatori: 34’ Milone; 55’ Gatto.
Strongoli: Scaccianoce, Andreacchio, Gerace, Benincasa F., Perrotta, Ceraudo, Trisolino (dal 63’ Comito), Turano, Zito, Tangaro (dal 65’ Benincasa G.), Milone C.. Allenatore: Pietro Martino.
Isola Capo Rizzuto: Macrì, Maiolo, Piccinino, Colosimo, Ranieri, Milone D., Bruno, Barberio, Piperis, Anellino (dal 67’ Cerrelli), Gatto. Allenatore: Diego Pupo.
Arbitro: Giuseppe Calabretta di Rossano.

Strongoli – Finisce con un pareggio la sfida tra Strongoli ed Isola Capo Rizzuto al Comunale, ma la squadra di casa poteva fare sicuramente meglio.
Dopo aver rispettato il minuto di silenzio in ricordo delle vittime di Nassirya, prende il via una gara con molti momenti emozionanti.
Le due squadre sono combattive da subito, anche se il clima fra le due “cugine” all’inizio appare abbastanza amichevole.
Nella prima parte del match la difesa dello Strongoli è brava a mettere in pratica la tattica del fuorigioco, fermando così quasi tutte le azioni della squadra giallorossa.
Al settimo minuto Tangaro ci prova con un calcio d’angolo, lanciato fuori dal campo dalla difesa isolitana.
Immediatamente dopo è l’Isola ad attaccare, con Gatto, Piperis e Bruno.
I tentativi si alternano, tocca a Gerace su punizione, poi Felice Benincasa con un tiro potente, che viene parato da Macrì, e a Gatto che manda fuori la sua battuta su punizione.
Al 20’ il tiro cross di Trisolino, frutto di una punizione, finisce direttamente nelle mani di Macrì.
Al 24’ Fabio Zito e Angelo Anellino vengono entrambi ammoniti, dopo che Zito si era avvicinato troppo all’attaccante isolano, che si accingeva a battere l’ennesima punizione.
Dopo tre minuti la porta dello Strongoli è in pericolo: Colosimo lancia da sinistra per Piperis, che però si fa cogliere impreparato.
Si vivono momenti di una certa tensione, la partita entra nel vivo. Al 32’ Gatto serve Piperis, che è di nuovo vicinissimo al goal; ma Scaccianoce sa mantenere la calma, e disimpegna.
Siamo al 34’. Zito cerca di girarsi per andare in porta, ma viene ostacolato al limite dell’area, e l’arbitro fischia la punizione. Cosimo Milone realizza senza sforzo.
Subito dopo il gol mister Pupo viene espulso per proteste, e raggiunge Martino, squalificato dalla scorsa settimana, in tribuna.
Al 39’ Piperis parte in contropiede con un lancio lungo, e dopo una bella azione personale prova ad andare in porta, ma Ceraudo gli nega la gioia del goal. (ammonito Tangaro)
Due minuti dopo Anellino arriva a due passi dalla porta, ma ancora una volta la difesa dello Strongoli non rimane a guardare.
Sul finire del primo tempo, un’azione identica al famoso goal di mano di Maradona; ma stavolta l’arbitro vede bene, e ammonisce Gatto.
Al rientro dagli spogliatoi, si nota la determinazione dell’Isola. Il clima è più teso, gli ospiti sono molto più combattivi.
Al decimo minuto un tiro da fuori area di Piperis prende in pieno viso Perrotta, che involontariamente offre un assist a Gatto. Con un destro potente l’attaccante dell’Isola infila il pallone in rete.
Per tutto il secondo tempo si susseguono le occasioni per schiodare il risultato di parità, ma lo Strongoli non riesce a realizzare.
Clamoroso al 65’, il tentativo di Zito, che con un gran colpo di testa spiazza il portiere; ma non il difensore Davide Milone, appostato sul palo sinistro.
La partita si fa veramente avvincente, è chiaro che entrambe le squadre aspirano alla vittoria. Al 79’ Zito sciupa una fantastica occasione, spedendo fuori un buon suggerimento.
Lo Strongoli ci prova più volte, ma sembra mancare l’intesa. All’84’ Comito e il solito Zito non riescono a coordinarsi, un’altra opportunità persa. A tre minuti dalla fine, Scaccianoce viene ammonito.
Gli ultimi minuti sono caratterizzati da un gioco troppo nervoso, in cui a prevalere è l’Isola.
L’arbitro Calabretta concede quattro minuti di recupero. Comito viene ammonito per uno scontro frontale con un avversario nel corso di un’azione.
L’ultima azione degna di nota vede tutti i giocatori dello Strongoli in area: Comito batte una punizione che Macrì riesce a parare.
Il direttore sportivo dello Strongoli Andreacchio: “Una bella partita, giocata fino in fondo da tutt’e due le squadre. Abbiamo sprecato delle belle possibilità”.
Il vicepresidente Frustaci: “Siamo un po’ scontenti perché abbiamo sprecato troppe occasioni. Potevamo sicuramente fare meglio. Dovevamo vincere, invece non siamo riusciti”.