Fotografi crotonesi – Vincenzo Gerbasi

Vincenzo Gerbasi pratica la fotografia da quando aveva appena 10 anni. E’ fotograficamente impegnato su più fronti: oltre a seguire un suo percorso personale che ha visto le sue foto pubblicate su giornali, siti web, mostre locali e collettive nazionali, ha realizzato Corsi Base di Fotografia per i bambini delle scuole elementari, per i ragazzi delle scuole superiori, fino ai soci del Gruppo Fotoamatori Crotone di cui è attivo collaboratore. Dal 2017 è Delegato Provinciale FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche).

Cosa ti ha portato ad appassionarti alla fotografia?

Per me la fotografia è il gusto di una sfida sempre aperta e per questo sempre più appassionante. Il mio desiderio è quello di catturare momenti o punti di vista irripetibili. Nei viaggi, così come nel quotidiano, ho sempre cercato di isolare dal contesto del visibile quell’immagine che tutti guardiamo ma a cui nessuno fa caso. Vorrei far vedere cose che nessuno vede, nella maniera più gradevole possibile.

Quali soggetti preferisci?

Mi piace confrontarmi con generi fotografici diversi ma miei soggetti preferiti restano le persone nel loro ambiente quotidiano, non in posa, mentre si trovano in una situazione del tutto spontanea e allo stesso tempo particolare. Perché io scatti deve in qualche modo succedere qualcosa che attiri lo sguardo.

Cosa racconti con le fotografie?

Con le mie fotografie cerco di affermare che le immagini degne di essere fotografate non si trovano solo nei paesi esotici ma che ci sono anche intorno a noi, spesso nascoste tra le pieghe del tempo. Per me la fotografia è scegliere di escludere il superfluo per raccontare l’umanità di un attimo con gli occhi dell’uomo della strada. Vorrei dare la sensazione a chi guarda una mia foto di passare di lì casualmente e rimanere sorpreso dalla scena. Inevitabilmente più cerco di raccontare gli altri più svelo me stesso.