Gelmini: a Crotone Forza Italia ci ha messo la faccia. Poi parla del Ponte sullo Stretto…

CROTONE –  “Sono qui per sostenere Antonio Manica candidato di Forza Italia a questa competizione, Crotone in Serie A, noi vogliamo anche far giocare la politica di Crotone in A. Manica è un candidato di Forza Italia non ci nascondiamo dietro le civiche, ma ci presentiamo a viso aperto con il simbolo per risolvere i problemi che attanagliano Crotone”. Lo ha detto Maria Stella Gelmini, presidente del gruppo di Forza Italia alla Camere dei deputati, durante una manifestazione elettorale a Crotone a sostegno del candidato sindaco Antonio Manica. “Se vinciamo a Crotone avendo Jole Santelli alla Regione, vuol dire poter attuare un gioco di squadra per decisioni ad ogni livello. Se vinciamo nelle Regioni e nei comuni in questa tornata elettorale anche il voto di Crotone può essere un avviso di sfratto per il governo”.

La presidente dei deputati forzisti è incappata in una ‘piccola’ gaffe parlando del Ponte sullo Stretto qui dove mancano le infrastrutture anche a causa dei governi del centrodestra. “Il governo non ha dato attenzione al Mezzogiorno, è insensibile. Pensa di aver liquidato tema del Sud con reddito di cittadinanza ma si fa assistenzialismo non sviluppo. Noi portato emendamenti per Ponte sullo Stretto perché costerebbe di più non realizzarlo che farlo. E’ un cavallo di battaglia di Berlusconi e noi crediamo che debba essere realizzato” ha proseguito la parlamentare rispondendo poi a chi gli faceva notare che prima del Ponte bisognerebbe fare la statale 106. “Io credo nel modello Genova .- ha sottolineato l’onorevole Gelmini – e in come è stato possibile ricostruire in tempi rapidi un ponte mettendo da parte burocrazia. Il governo risponda del non fatto in tema di infrastrutture nel Mezzogiorno. Io sono convinta che per la statale 106 come per il ponte sullo Stretto o l’alta velocità serve utilizzare il modello Genova abbattendo la burocrazia ed individuando responsabili senza mettere lacci e laccioli agli enti locali. Non c’è scusa di mancanza soldi. I soldi ci sono manca la capacità di investirli in debito buono per la rinascita del Mezzogiorno”

Maria Stella Gelmini ha evidenziato il ruolo di Forza Italia nel centrodestra e la crescita al Sud ed in Calabria dopo la vittoria della Santelli alla Regione.  “Senza Forza Italia – ha detto l’ex ministro dell’Istruzione – il centrodestra potrebbe essere di destra destra. Senza Forza Italia non ci sarebbero quei valori che hanno plasmato il centrodestra. Senza Forza Italia non ci sarebbe stata la battaglia ad esempio su su tasse e garantismo. Forza Italia è una forza riformista che ha fatto riforme vere. Ora sta attraversando un cambiamento, ma con l’impegno di tutti possiamo rinascere dal Sud e dalla Calabria”.

Infine, sul referendum ha spiegato: “Voterò sì perché il taglio dei parlamentari non è una battaglia del Movimento 5 Stelle. Il primo a chiedere la riduzione dei costi della politica è stato Berlusconi. Quella proposta oggi è una riforma imperfetta che non si occupa dell’efficientamento delle Camere, ma non voglio lasciare al Movimento 5 Stelle una bandiera che non merita e che è di Berlusconi e non di chi prova a scimmiottare, con l’antipolitica, delle riforme vere. Dico anche che Berlusconi ha lasciato libertà di voto, perché non siamo una caserma e rispetto la posizione di colleghi come Simone Baldelli che sono alfieri del no. In Forza Italia c’è libertà di pensiero”.