Giornata delle donne, Rocca di Neto ricorda Mariella Tamborrino

ROCCA DI NETO – Nella ricorrenza della giornata internazionale della donna, l’amministrazione comunale di Rocca di Neto ha voluto ricordare Mariella Tamborrino, giovane avvocato prematuramente scomparsa nel 2012, a soli 35 anni, a seguito di un tragico evento che ha scosso l’opinione pubblica e che nessuno riesce a cancellare dalla mente.
L’istituenda commissione pari opportunità del comune, rappresentata dalla consigliera Genny Martino, in pieno accordo con il sindaco Alfonso Dattolo, la giunta ed il consiglio comunale, ha inteso organizzare nella villetta comunale una commovente manifestazione durante la quale è stato piantato un albero in memoria di Mariella ed è stata apposta una targa attraverso la quale gli amministratori hanno voluto omaggiare la sfortunata concittadina come simbolo di speranza e rinascita per tutte le donne.

Il sindaco, nel suo intervento, ha ricordato la figura gioiosa e cordiale di Mariella Tamborrino che aveva affrontato tanti sacrifici per raggiungere il sogno di diventare avvocato, riuscendoci con brillanti risultati. La piantumazione dell’albero in un luogo frequentato soprattutto dalle nuove generazioni, continua il sindaco, serve da incoraggiamento per tenere vivo il ricordo delle vittime di violenza e rappresenta anche un segnale di speranza per continuare a difendere le donne dai soprusi e dalle minacce di chi dice di amarle.

Oltre al presidente del consiglio comunale Francesco Pugliano con i consiglieri di maggioranza e di opposizione, hanno presenziato il giudice onorario del Tribunale crotonese Raffaella Dattolo e, in rappresentanza dell’Ordine degli avvocati di Crotone, i consiglieri Giuseppe Trocino e Caterina Murano che hanno ricordato con commozione la prematura scomparsa della loro collega. I genitori di Mariella Tamborrino, papà Antonio e mamma Ginella Podella, visibilmente emozionati, hanno espresso parole di ringraziamento verso l’amministrazione comunale e tutti coloro che si sono adoperati per questa bella iniziativa attraverso la quale si è voluto ricordare Mariella. Entrambi non demordono affatto e lotteranno con forza in cerca della verità, che ancora tarda a venire, per dare giustizia ad una giovane donna che, come tante altre, si era illusa di essere amata, ma così non è stato.