Il 2 e 3 maggio a Crotone il film Rapiscimi con le musiche di Franco Eco

Da giorno 2 maggio il film Rapiscimi sarà al Cinema Sala Raimondi (Largo Umberto 1), mentre giorno 3 maggio alle ore 20h30 sarà presentato da regista e attori che saranno presenti in sala per un saluto al pubblico. Una serata speciale per l’opera prima del regista calabrese Giovanni Luca Gargano con le musiche del compositore crotonese Franco Eco. Una commedia divertente e spiritosa la cui storia nasce da una originale idea imprenditoriale.

Ambientata in Calabria, la pellicola vuole sdrammatizzare e far sorridere sulla condizione di chi nasce e vive in piccoli paesi dell’entroterra, dove il più delle volte sognare una vita diversa è difficile e la disoccupazione ti divora. Il film si caratterizza per azione, atmosfera e tempi western, dove il destino dei diversi personaggi si intreccia a dar vita a una storia ricca di colpi di scena.

Vivi l’estremo, fatti rapire. Questo lo “slogan” e il messaggio chiave del film.
Dopo averla combinata grossa ed essersi inimicati tutto il paese, quattro disoccupati calabresi si danno alla fuga nel bosco. Sono obbligati a trovare una soluzione per ripagare il danno fatto. Così uno di loro, convinto di un’idea geniale, li coinvolge nell’attività che a suo dire li farà svoltare: un’agenzia che organizza rapimenti per ricchi annoiati dalle solite vacanze che vogliono vivere l’ebbrezza di un’emozione estrema. La mano del destino intreccia le sue trame e i quattro ragazzi si troveranno coinvolti in una storia rocambolesca dai risvolti tragicomici e assolutamente inaspettati. Quella che sembra essere un’avventura folle ed eccitante, si trasforma in una delirante trappola tragicomica a cui non tutti sopravvivranno.

Rapiscimi è una coproduzione italo-portoghese realizzata da Alba Produzioni / Arbalak (Italia) e Check the Gate (Portogallo), un film riconosciuto d’interesse culturale con il contributo della Direzione Generale per il Cinema-Mibact; con il contributo di Film Commission Calabria, con il sostegno della Regione Lazio e in collaborazione con Radio e Televisao de Portugal.