Immigrazione, due russi i presunti scafisti dello sbarco alla foce del Neto

immigrazione, clandestini, porti chiusi, prima gli italiani

CROTONE – Sono stati individuati e arrestati i due presunti scafisti dello sbarco avvenuto l’altro ieri nei pressi della foce del fiume Neto. I due uomini, 25 anni uno e 31 l’altro, di nazionalità russa, poche ore dopo l’approdo del veliero (nella foto), erano stati intercettati da una pattuglia della squadra Volante lungo la statale 106.

Gli agenti hanno notato i due che camminavano lungo la carreggiata, sporchi di sabbia e con i pantaloni bagnati, muniti di zaini. Considerata la singolarità della situazione e la presunta nazionalità russofona dei soggetti che traspariva dai tratti somatici, gli agenti li hanno sottoposti a controllo e successivamente accompagnati in Questura dove sono stati identificati.

Successivi accertamenti della Polizia di Stato e dalla Guardia di finanza, anche grazie alle testimonianze di alcuni migranti, hanno consentito di raccogliere diversi elementi a carico dei due presunti scafisti che sono stati tratti in arresto per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e trasferiti nella Casa circondariale di Crotone a disposizione della Magistratura.