Informazione e idee da trentanove anni per la libertà di tutti

A trentanove anni compiuti il 5 dicembre, inizia un’altra fase del viaggio di questo giornale: la navigazione nel mare degli “anta”, età degli umani e di qualsivoglia loro creazione che corrisponde sempre a quello della maturità, della piena consapevolezza di sé e delle proprie capacità. Non lo diciamo per piaggeria: l’impresa è stata finora dura ed averla perseguita ha comportato, oltre che caparbietà, titanici sacrifici di gruppo e personali, amplificati dalla crisi globale della carta stampata in cui sono incappate nella presente fase storica anche le piccole testate come la nostra. Ma proprio quella stessa consapevolezza di sé, che si alimenta della immutata bontà del progetto di portare l’informazione locale in primo piano, fa dire con convinzione che ne è valsa e ne varrà ancora la pena. Perché il Crotonese è un patrimonio pubblico, benchè immateriale, che si sgancia dalle attuali criticità per assurgere a strumento per declinare tutte le libertà di pensiero in un momento in cui tanti “grandi fratelli” vorrebbero invece soggiogarle o comprimerle a loro piacimento. Nel suo piccolo, questo giornale farà in modo che ciò non avvenga. Ma per questo ha bisogno che voi lettori lo sosteniate. L’assicurazione certamente più grande per proseguire la navigazione nel mare della cronaca, della società e delle idee a bordo del veliero de il Crotonese.