Iniziati i vax days: tre punti vaccinali nel crotonese aperti dalle 9 alle 22

Sono iniziati sabato 1 maggio i quattro giorni di “Vax days” per la somministrazione del sieri anti covid. L’iniziativa che durerà fino al 4 maggio è promossa da Regione, commissario della Sanità, Protezione civile, Difesa e Croce rossa.

Ecco dove ci si può vaccinare

I vax days si terranno nei punti vaccinali di Corigliano Rossano, Cirò Marina, Crotone, Mesoraca (interno), Catanzaro Lido, Soverato, Siderno, Reggio Calabria (Gom), Reggio Calabria (Tommaso Campanella), Reggio Calabria (Polizia), Taurianova, Ricadi, Vibo Valentia, Bis Vibo Valentia, Serra San Bruno (interno), Lamezia Terme, Soveria Mannelli (interno), Cosenza (ospedale militare), Parco acquatico Rende (interno), Paola (ospedale), Castrovillari. Nella mattinata di  sabato 1 maggio, sono arrivati in Calabria  44.800 vaccini destinati alla Calabria: 36.700 Astrazeneca, 4.900 Moderna e 3.200 Johnson&Johnson. Poste Italiane li ha trasferiti alle destinazioni finali: Crotone, Lamezia Terme, Vibo Valentia e Melito Porto Salvo.La fornitura alle strutture ospedaliere avverrà anche questa volta in collaborazione con l’Esercito Italiano

Categorie e info utili

I punti vaccinali dislocati su tutto il territorio apriranno, dalle ore 9 alle ore 22, agli over 80, soggetti fragili, persone dai 60 ai 79 anni di età, insegnanti di ogni ordine e grado e caregiver. Agli over 80 e ai soggetti fragili sarà somministrato il vaccino Pfizer mentre, a tutti gli altri il siero Astrazeneca, salvo incompatibilità risultanti in fase di anamnesi.
Per prenotarsi, si può chiamare o mandare un sms al numero verde 800.00.99.66 o sulla piattaforma  www.prenotazioni.vaccinicovid.gov.it.

Inoltre, dal 29 aprile è attivo un numero regionale 0961 789775 (operativo da lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 17, sabato dalle ore 9 alle ore 13, festivi esclusi) per chiedere informazioni, comunicare disagi ai quali gli operatori cercheranno di dare risposte o soluzione in tempi rapidi.

Si ricorda che, per evitare la diffusione di informazioni non corrette, occorre fare riferimento alle ordinanze del commissario Figliuolo, ai comunicati ufficiali della Regione Calabria e della Protezione civile, consultabili anche su www.rcovid19.it.