Inquinamento, al via l’iter di rimozione delle scorie dalla scuola San Francesco

cic, bonifica, plesso san francesco, alcmeone, sin crotone, commissario, elisabetta belli, conglomerato idraulico catalizzato, lampanaro, aterp, margherita

Martedì 11 luglio prende il via al ministero dell’Ambiente l’iter di approvazione del progetto di rimozione e smaltimento del conglomerato idraulico catalizzato (Cic) nel plesso San Francesco dell’Istituto comprensivo Alcmeone inclusa nel 2017 nel perimetro del sito d’interesse nazionale (Sin) di Crotone. Lo rende noto il commissario straordinario per la bonifica del Sin, Elisabetta Belli. Il ministero ha convocato per quella data la conferenza dei servizi istruttoria per esaminare il ‘Progetto operativo Area 8 – scuola S. Francesco’, inviato il 1° giugno dal Comune, in qualità di soggetto attuatore, al dicastero di via Cristoforo Colombo.

“Un passo concreto – dichiara la Belli – per la restituzione ai cittadini di un bene comune bonificato e fruibile, che, per troppo tempo, è stato uno dei luoghi simbolo della contaminazione ambientale della città. Con l’inizio dell’iter di approvazione ministeriale del progetto sulla scuola San Francesco, si pongono le basi per la bonifica delle aree prioritarie contaminate dal Cic”.

Il progetto riguarda un’area di oltre nove mila metri quadrati e prevede la rimozione di circa quattordici mila metri cubi di conglomerato idraulico catalizzato. Il costo stimato è di circa dodici milioni di euro. Si tratta del primo dei quattro progetti di bonifica delle aree prioritarie contaminate dal Cic (le altre sono gli alloggi Aterp in località Margherita, l’Istituto tecnico-commerciale ‘Lucifero’ e gli alloggi Aterp in località Lampanaro) che il Comune dovrà trasmettere.

“Un bel segnale – ribadisce il commissario – insieme a quello che ci si attende dalla Conferenza dei servizi di lunedì prossimo, che auspicabilmente approverà il Pob Fase 2, il progetto operativo di bonifica delle discariche fronte mare e delle aree industriali, e all’istanza presentata il 20 giugno da Syndial alla Regione Calabria per il rilascio del provvedimento unico ambientale sulle opere di protezione dalle mareggiate degli interventi di rimozione delle discariche (Pob Fase 1)”.