Its Pinta, due nuove figure nel futuro dell’agroalimentare

its pinta, agroalimentare, parco scientificio crotone, maria bruni, maria francesca corigliano, maria antoinella cauteruccio

L’Its Pinta – l’istituto tecnico per la specializzazione nel campo delle nuove tecnologie alimentari partecipato dal Parco scientifico di Crotone – ha proposto la formazione di due nuove figure professionali: tecnico superiore per l’enogastronomia e tecnico superiore per la vendita on line di prodotti e servizi. La proposta è stata avanzata nell’ambito dell’incontro degli Its calabresi alla Cittadella regionale con l’assessore all’Istruzione e Cultura Maria Francesco Corigliano e la dirigente per l’Alta formazione Maria Antonella Cauteruccio, finalizzato ai programmi formativi per la specializzazione post diploma nei prossimi tre anni.

Il corso di tecnico superiore per l’enogastronomia sarà realizzato insieme all’Enoteca regionale ‘Casa dei Vini di Calabria’, ente promotore dell’eccellenza dei vini calabresi in Italia e all’estero nonché cuore pulsante dell’enologia calabrese. L’obiettivo è quello di formare tecnici superiori con specifiche conoscenze del territorio calabrese e delle sue tradizioni, dalla cultura ai prodotti enogastronomici. “Negli ultimi anni – dice Maria Bruni, vice presidente dell’Its Pinta – sempre più persone hanno preso parte a manifestazioni organizzate per fare conoscere le cantine ed il territorio dove nasce il vino. Il turismo enogastronomico è l’unico trend turistico positivo che si aggira intorno ai 2,5 miliardi di euro”.

Il corso di tecnico superiore per la vendita on line di prodotti e servizi è invece destinato a formare figure specialistiche nel campo della commercializzazione digitale, tali da consentire alle aziende di stare al passo con i tempi sul fronte dei mutamenti dei processi produttivi e gestionali. “E’ stato ideato dalla Pinta in quanto consapevole che la distribuzione richiede competenze specifiche sugli strumenti digitali e di e-commerce – aggiunge la Bruni – ma anche che è necessario potenziare la commercializzazione e internazionalizzazione del prodotto agroalimentare”.

Entrambi i corsi sono ciascuno della durata di duemila ore, di cui 1.200 suddivisi tra aula, laboratorio ed esercitazioni, ed 800 di stage in azienda. Saranno selezionati venti discenti, con diploma