Juric: non ho ancora scelto, mi guideranno i sentimenti

“Non ho preso alcun accordo con alcuna società. Girano solo supposizioni. Deciderò il mio futuro con il presidente Vrenna”. Ivan Juric smentisce così, – nel corso della conferenza stampa prima della ara contro il Trapani di sabato 14 maggio – tutte le voci che circolano sui siti internet e sui social di aver già lasciato il Crotone. L’allenatore croato ammette di aver avuto già contatti soprattutto con il Genoa, squadra dove ha giocato ed è stato allenatore in seconda con Gasperini: “E’ vero – afferma -, mi sono sentito con Preziosi, ma anche con altri presidenti italiani e di società straniere. Ci sono tante opzioni che sto valutando e prenderò ogni decisione insieme con il presidente Vrenna perché c’è un gran rapporto tra noi. La scelta finale dipenderà dai sentimenti, dalle prospettive, dalle sensazioni che si possono avere come quella dell’anno scorso quando, pur avendo altre possibilità, ho aspettato la chiamata del Crotone”.

Iivan juricl tecnico del Crotone dunque glissa sulla prossima stagione. Il suo interesse è al campionato in corso e, nonostante la Serie A già conquistata, mira ad ottenere il primo posto (sarebbe la prima società calabrese a vincere un campionato di Serie B) ed a difendere i due punti di vantaggio sul Cagliari secondo in classifica. “Sì, l’obiettivo è il primo posto – dice Juric – e sabato con il Trapani dobbiamo avere questa come la nostra più grande motivazione”. L’allenatore teme i siciliani che sono al quarto posto in classifica: “Loro non perdono da 14 gare e puntano ad arrivare più alto possibile. Giocheranno per vincere. Con Petkovic hanno acquisto grande spessore in attacco e poi la squadra è molto ben allenata da Cosmi”.

Nel Crotone rientra Budimir che è stato in Croazia a curarsi un malanno alla caviglia. Sabato, assicura il tecnico, giocherà. Fuori ancora Paro e Zampano infortunati, Fazzi squalificato, e Martella appena rientrato da un infortunio.