La Calabria ricambia il presepe campano con una chitarra dei liutai di Bisignano

CATANZARO – In occasione delle ultime festività natalizie, la Regione Campania aveva donato alla Calabria un presepe artistico napoletano, che su iniziativa dell’assessore calabrese al Turismo, Fausto Orsomarso, è stato installato nel santuario di San Francesco di Paola. La Calabria oggi ha ricambiato quel dono, con la consegna, da parte di Orsomarso al suo omologo campano, Felice Casucci, di una chitarra classica realizzata dai maestri liutai di Bisignano. “Abbiamo scelto di regalare alla Campania – spiega Orsomarso – un pregevole manufatto del nostro artigianato artistico come simbolo di solidarietà, di collaborazione e comune volontà di costruire un percorso di collaborazione turistica, artistica e culturale tra le due regioni. La tradizione della liuteria calabrese porta con sé tanta parte delle radici culturali e dell’identità del nostro territorio, la base solida su cui vogliamo costruire la ripartenza dopo questo periodo difficile”.

L’associazione liutaria bisignanese ha un forte legame con la scuola liutaria napoletana. La chitarra entrerà a far parte della storica collezione del Conservatorio di musica San Pietro a Majella di Napoli. “Grazie alla Regione Calabria, che ha avuto la sensibilità, insieme alla comunità di Paola – dice Casucci – di ricambiare il dono e di stringerci simbolicamente la mano come segno di unità e coesione, presupposti imprescindibili per poter immaginare una ripartenza morale ancor prima che economica. Infatti, si può resistere all’urto delle difficoltà solamente se portiamo dentro di noi i valori dell’amicizia, della dignità e del lavoro: il presepe degli artigiani napoletani e la chitarra dei maestri liutai calabresi lo dimostrano. Il messaggio che noi lanciamo oggi è un grande patto di solidarietà tra le regioni. Da qui – conclude l’assessore campano – possiamo muovere al futuro, immaginare uno sviluppo turistico sano e responsabile”.

Alla consegna della chitarra erano presenti anche il sindaco di Paola, Roberto Perrotta, il vice Marianna Saragò, il vice presidente dell’associazione liutaria bisignanese, Luca Gencarelli, e padre Domenico Crupi dei frati Minimi del Santuario di San Francesco di Paola.