La fiducia di Vrenna: “Ci manca soltanto la vittoria, ma ho visto dei grandi progressi”

Gianni Vrenna

Le presenze di Gianni Vrenna nel quartier generale dell’Antico Borgo sono sempre più frequenti. Un sopralluogo ormai quotidiano, perchè il numero uno di via Mattei sente sua questa creatura, sente forte quel progetto che in estate ha conosciuto una netta rinfrescata: cambio della guida tecnica e robusta rivoluzione tecnica. Il massimo dirigente anche questa mattina ha fatto capolino per osservare da vicino il lavoro di Modesto e la sua truppa, ed anche dall’intensità e attenzione della seduta, rimane sempre più convinto della scelta compiuta: “Spero che la nostra stagione possa decollare presto visto che al momento ci vede senza vittorie. Ma sono convinto che con questa squadra e questo allenatore ci toglieremo grandi soddisfazioni”. Venerdì sera si torna in campo, e per il Crotone ci sarà l’esame contro il Brescia di Pippo Inzaghi, capolista del torneo dopo le prime tre giornate. Una sfida che il patron rispetta ma con assoluta fiducia: “In sei B quest’anno sono tutte partite difficili, ma noi prima o poi tireremo fuori il nostro valore. Andremo a Brescia senza alcun timore reverenziale, lo affronteremo a viso aperto consapevoli di avere le carte in regola per disputare una grande partita”. A conti fatti, l’unica cosa che alimenta i rimpianti è la classifica che relega il Crotone nelle retrovie, alla ricerca del primo acuto: “Manca solo la vittoria, perchè le prestazioni ci sono sempre state. Contro la Reggina meritavano noi, io ho visto una grande squadre, un grande gruppo, molto più equilibrati dietro anche con l’inserimento dei nuovi. Abbiamo sfiorato più volte il gol, e purtroppo se non butti la palla dentro diventa difficile vincere. Ci manca qualche punticino, ma andiamo avanti per la nostra strada fiduciosi”. Appunto, anche perchè i progressi sono apparsi anche evidenti: “Abbiamo programmato tanto, come del resto dimostra il contratto pluriennale sottoscritto con Modesto. I miglioramenti si sono già visti, e nel momento in cui la squadra riuscirà ad imbeccare un paio di risultati positivi, prenderà il volo”.