La rivolta del bello con i disegni del misterioso Frog sui muri di Crotone

CROTONE – Si firma Frog e nessuno sa chi sia. Sono invece diventati subito oggetto di ammirazione i disegni che questo misterioso artista ha incollato sui muri di Crotone facendoli letteralmente apparire uno di seguito all’altro in varie zone del centro cittadino. Una sorta di rivolta del bello per reagire al degrado urbano.  Sei finora i disegni, di alta qualità, che dal 9 novembre il misterioso artista ha incollato sui muri sporchi e scarabocchiati della città. Si tratta, infatti di Poster Art, ovvero disegni realizzati su carta e poi appiccicati sui muri.

Il primo disegno apparso è stato quello di una ‘la bambina con il libro’ che si può ancora ammirare in via Raimondi (nei pressi del Duomo). Il giorno dopo in piazza Lea Garofalo è comparso il disegno di una Venere (probabilmente ispirata dal dipinto del Botticelli), incollato al muro del castello. Il terzo disegno – che è stato danneggiato da maltempo e vandali – era apparso sulla frequentatissima via Poggio Reale: rappresentava l’attore Bud Spencer in uno dei sui personaggi più ricordati, Ben, protagonista del film ‘Altrimenti ci arrabbiamo’. Nell’ultima settimana Frog ha fatto apparire altre tre opere: un Cristo con Madonna sotto i portici di piazza Pitagora, un personaggio di fine 800 (forse il filosofo Nietzche) incollato al palazzo in cui si trova l’emittente Video Calabria (anche questo danneggiato da vandali, in particolare tre bambini colti sul fatto a strapparlo), ed infine un Charlie Chaplin apparso sul muro del Municipio nella centralissima piazza della Resistenza.

I disegni sono tutti di ottima fattura, la tecnica è fumettistica con l’uso sia di acquerelli che di pennarelli per i particolari. La più suggestiva è la ‘Bambina che legge’. Interessante il messaggio inviato attraverso il disegno di Charlie Chaplin sul quale il misterioso Frog ha scritto sulla bombetta del personaggio di Charlotte questa frase: “Preoccupati più della tua coscienza che della reputazione. Perché la tua coscienza è quello che tu sei, la tua reputazione è ciò che gli altri pensano di te. E quello che gli altri pensano di te è problema loro”. Un messaggio riferito a chi sta dentro al Palazzo?

Non si sa se ci sia un fil rouge tra le opere o se i luoghi dove sono state incollate abbiano un significato particolare per l’artista. Considerati i soggetti sembra una celebrazione dell’arte in tutte le sue forme: dalla letteratura al cinema. Di certo l’artista sta creando curiosità con i suoi disegni. E si aspettano nuove opere.