L’Ezio Scida terzo nella classifica dei migliori terreni di gioco della serie B

Stadio Ezio Scida Crotone

Il Crotone chiude la stagione sul podio. No, non quello della classifica finale, ma quello relativo al terreno di gioco. Il manto erboso dello Scida è risultato terzo in assoluto tra quelli della cadetteria, preceduto soltanto dal Tombolato di Cittadella e dal Bentegodi di Verona, curiosamente le due finaliste playoff. La società padovana si è aggiudicata la prima posizione nella graduatoria che premia i migliori campi ottenendo questo riconoscimento in una competizione particolare voluta dalla Lega B, oramai da alcune stagioni, per migliorare la spettacolarità dell’evento-gara, attraverso la garanzia della miglior condizione del terreno di gioco, sia dal punto di vista estetico sia da quello della praticabilità e della performance.

È questo quindi il motivo per cui la Lega B ha istituito il premio per sensibilizzare le società a comportamenti virtuosi, con lo scopo di avere campi adeguati in ogni situazione, stagione, evento e condizione.

A tal riguardo, ciascuna delle componenti coinvolte (capitani, allenatori, produttori televisivi e agronomo della Lega) ha espresso il proprio giudizio di merito che ha permesso di stilare la graduatoria che ha visto appunto il Cittadella prevalere sulle altre contendenti. Secondo in classifica l’Hellas Verona, sul podio anche il Crotone. A completare la lista delle 3 venete nelle prime 4 posizioni c’è il Padova. Ai granata quindi andrà un premio in denaro da investire proprio nella miglioria del terreno di gioco del Tombolato. Per il Crotone buon risultato, che conferma l’ottima manutenzione di un impianto di gioco che da anni rappresenta un’eccellenza grazie alla cura degli addetti.



In questo articolo: