Libri, nonno Cocò alla ricerca (senza rimpianti) dei luoghi perduti

CROTONE – Sabato 15 febbraio alle ore 18 avrà luogo presso il Museo di Pitagora la presentazione del libro I racconti di Nonno Cocò (Csa Editrice) di Costantino Spagnolo, scrittore crotonese. Intervengono Santo Vazzano (direttore del Museo di Pitagora), Alessandro Labonia (editore Csa Editrice), mons. Ezio Limina (presidente del Capitolo Cattedrale di Crotone) e Maria Grazia Vittimberga (sindaco di Isola di Capo Rizzuto). Presente l’autore.

IL LIBRO

La copertina del libro mostra l’autore, nonno Cocò (come viene chiamato dai suoi nipoti), ottantenne e acciaccato, in una sua recente visita nei luoghi in cui è nato ed ha trascorso la sua infanzia, luoghi che fanno da cornice ai racconti. E’ stato come un viaggio nel tempo, anche se molto è cambiato: i viottoli sono diventati strade, le vecchie case sono state sostituite dalle nuove, le biciclette dalle automobili, le zappe dai trattori. “Non si incontrano più carri trainati da buoi e non si ode più il muggire degli armenti” scrive Spagnolo. “La gente, però, è rimasta semplice, umile, accogliente e gioviale, rispettosa e fedele alle buone tradizioni. Anche se molto emancipata nelle nuove generazioni, libera da vecchi schemi ed aperta alle prospettive di crescita socio-culturale, ha saputo custodire e trasmettere quei valori nobili e sani che sono il vero nutrimento della vita ed onorano la nostra natura umana”.

L’AUTORE

Costantino Spagnolo (nella foto), nato a Moschetta di Locri, in provincia di Reggio Calabria, nel 1939, vive da molti anni in campagna, nei pressi di Crotone. Poeta e scrittore, autore di sei raccolte di poesie pubblicate da editori diversi, è stato incluso in dodici antologie, alcune delle quali tradotte nelle principali lingue europee, e ha ottenuto diversi premi ed onorificenze letterarie. Di recente ha pubblicato Siamo fatti così... e Cartoline di Natale. Dal 1997 è diacono permanente dell’Arcidiocesi di Crotone-Santa Severina.