Maltempo, danni al depuratore: rischio scorie tossiche in mare

Un’emergenza di carattere ambientale che potrebbe avere conseguenze devastanti per la salute pubblica: è questo l’aspetto più preoccupante emerso dal sopralluogo effettuato questa mattina a Crotone dal governatore della Calabria Mario Oliverio, accompagnato dagli assessori regionali Antonella Rizzo e Franco Russo, nella zona che ieri è stata interessata da una violenta tromba d’aria.

Oltre ai centri commerciali ed ai capannoni delle aziende presenti nella zona industriale del Passovecchio, la furia del vento ha infatti danneggiato anche il depuratore del Corap, il consorzio regionale della attività produttive che ha riunito i consorzi industriali della cinque province calabresi, presso il quale attualmente vengono smaltiti i reflui della vecchia area industriale. Reflui che contengono scorie altamente tossiche e che potrebbero finire direttamente in mare provocando un disastro ambientale dal momento che il depuratore da ieri non è più in funzione.

Il prefetto di Crotone Cosima Di Stani ha fatto presente il problema al presidente della Regione e, considerata la gravità della situazione, ha chiesto che la problematica sia assunta direttamente dal ministero dell’Ambiente e che sul posto sia inviata una ditta altamente specializzata per riparare il danno nel più breve tempo possibile.

Nel frattempo la società Syndial, cui competono le attività di bonifica dell’area e per conto della quale il depuratore smaltisce i reflui inquinanti, potrebbe inviare a Crotone una nave per caricare gli stessi reflui e smaltirli in un atro impianto di depurazione. L’alternativa sarebbe quella di utilizzare autobotti ma si calcola che per smaltire i circa 5 mila mteri cubi di acque reflue prodotte ogni giorno occorrerebberlo almeno trenta autobotti.