Meno tumori al Sud: incidenza più alta in Friuli, più bassa in Calabria

tumori, I numeri del cancro in Italia, Aiom, Airtum, Passi, Siapec, Massimo Rugge, Maria Masocco

ROMA – Meno nuove diagnosi di tumori al Sud rispetto al Nord Italia, con l’incidenza più alta che si registra in Friuli Venezia Giulia (716 casi per 100.000 abitanti) e la più bassa in Calabria (559 casi per 100.000 abitanti). Ad evidenziare tali differenze sul territorio e il rapporto I numeri del cancro in Italia 2019, elaborato dall’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) insieme ad Airtum, Passi e Siapec.

SCREENING E DIAGNOSI PRECOCE

“L’incidenza dei tumori maligni conserva differenze geografiche significative: decresce dall’Italia del Nord a quella meridionale/insulare” spiega Massimo Rugge, presidente di Airtum, l’Associazione italiana registri tumori. “Nel maschio, il tasso di incidenza per tutte le neoplasie è più basso al Centro (meno 4% rispetto al Nord) e ancor più basso al Sud (meno 14%); lo stesso andamento si conferma nel genere femminile (meno 5% nell’Italia centrale e meno 17% nell’Italia del Sud/insulare, rispetto al Nord)”. Secondo l’esperto, “è verosimile attribuire tale situazione a fattori che agiscono in senso ‘protettivo’ come abitudini alimentari, vita riproduttiva, minore esposizione a fattori di rischio ambientale. Al Sud, tuttavia, la minore adesione agli screening oncologici non ha fatto rilevare quei benefici effetti della diagnosi precoce che si registrano al Nord”.

SOPRAVVIVENZA MAGGIORE DONNE

Nel genere femminile, inoltre, la sopravvivenza per tutti i tumori è più alta di quella degli uomini: questo vantaggio di genere può essere associato alla diversa diffusione di screening specifici (mammella e utero) e alla maggior propensione delle donne ad aderire ai programmi di prevenzione e screening. La sopravvivenza a 5 anni più alta si registra, per gli uomini, in Valle D’Aosta (61%), Emilia-Romagna e Toscana (56%) e, per le donne, in Emilia-Romagna e Toscana (65%). Quanto agli over-65 che hanno ricevuto una diagnosi di tumore, rileva Maria Masocco, responsabile dei sistemi di sorveglianza Passi, “i risultati sono preoccupanti. Gli anziani con diagnosi di tumore mantengono infatti abitudini, quali fumo, abuso di alcol e sedentarietà, che rappresentano fattori di rischio per recidive o aggravanti della malattia”.