Mesoraca, crolla intonaco del solaio nella stanza del Suem 118

MESORACA – La sanità calabrese cade letteralmente a pezzi. Nella notte del 2 luglio è caduto l’intonaco del solaio della stanza riservata ai sanitari del Suem 118 del presidio di Campizzi, nel comune di Mesoraca. Il crollo, per fortuna non ha causato feriti perché in quel momento nella stanza non c’era alcuno, ma come si può vedere dalle foto, i calcinacci sono caduti proprio sulla scrivania usata dai medici e sul divano dove infermieri e dottori attendono quando non svolgono soccorsi.

La caduta dell’intonaco sarebbe da addebitare a infiltrazioni di acqua nella struttura che svolge funzioni di presidio sanitario per il distretto di Mesoraca che comprende i comuni dell’alto marchesato crotonese. Infiltrazioni d’acqua che sono state segnalate da tempo ma per le quali,considerate le condizioni della sanità calabrese, non era stato effettuato alcun intervento. La stanza del Suem 118 è stata chiusa. Il servizio è però attivo ed i sanitari di turno sono stati spostati in un’altra parte della struttura.

Sulla vicenda ha espresso preoccupazione la conferenza dei sindaci del distretto sanitario di Mesoraca presieduta da Nicola Belcastro, primo cittadino di Cotronei. La conferenza, che nel passato aveva segnalato già più volte le pessime condizioni del poliambulatorio di Campizzi, ha delegato il sindaco di Mesoraca, Annibale Parise, ad intervenire presso l’Asp per chiedere immediati interventi di ripristino e di sistemazione dell’intera struttura