Murgi (ex segretario Pd): ci commissariano perché senza padroni

CROTONE – “Si commissaria la federazione di Crotone perché questa non ha padroni”. Cosi l’ormai ex segretario provinciale del Pd Gino Murgi commenta la decisione del segretario nazionale Nicola Zingaretti di commissariare la federazione provinciale del partito, in una conferenza stampa che si è svolta martedì pomeriggio nella sala congressi del centro Starbene.

Le motivazioni fornite da Zingaretti sarebbero relative ad alcuni dissidi interni al partito regionale alimentate da Murgi e dal segretario della federazione di Cosenza, anch’essa commissariata, Luigi Guglielmelli, per via della loro opposizione alla candidatura di Pippo Callipo alla presidenza del Consiglio regionale.

“Gino Murgi – ha detto l’ex segretario – è un uomo libero, che ha dato lustro al partito, che in 24 anni di attività amministrativa non ha mai ricevuto un provvedimento, un uomo che non ha mai abbassato la testa davanti a nessuno, nemmeno davanti a mio padre, figuriamoci se lo faccio davanti a Stefano Graziano. Oppure davanti a chi ha fatto cambiare la serratura della sede del partito”.

I due ex segretari hanno annunciato il ricorso sia alla giustizia ordinaria che alla commissione garanzia, perché “intanto si è creato un precedente che può essere paragonato all’epoca staliniana – ha detto Luigi Guglielmelli ex segretario della Federazione del Pd di Cosenza – e poi perché non è stato rispettato lo statuto del partito, che prevede le primarie per la scelta di un candidato alla Regione, cosi come avevamo chiesto io e Gino”.