Nicola: ambizioso ed entusiasta per fare bene col Crotone

CROTONE9-07-2016 - PRESENTAZIONE DAVIDE NICOLA, ALLENATORE CROTONE NELLA FOTO: DA SINISTRA, RAFFAELE VRENNA, PRESIDENTE FC CROTONE, DAVIDE NICOLA, ALLENATORE FC CROTONE, GIANNI VRENNA, AMMINISTRATORE DELEGATO FC CROTONE FOTO PIPITA

“Il mio entusiasmo è alle stelle, sono ambizioso ma anche realista e so di dover crescere ancora molto e  Crotone è il posto giusto per  farlo”. Si è presentato così Davide Nicola, nuovo allenatore dell’Fc Crotone per il prossimo torneo di Serie A. Il tecnico – accompagnato dal presidente Raffaele Vrenna e dall’amministratore delegato, Gianni Vrenna –  è apparso molto motivato: “Il mio entusiasmo è alle stelle. E’ bastato poco per dire sì alla società che è una perla del calcio italiano e che mi ha fatto sentire subito parte di una grande famiglia”.

“Con Davide Nicola ci siamo fidanzati subito – ha detto il presidente Vrenna – e probabilmente ci sposeremo visto che il contratto è di tre anni più uno”.

Davide Nicola, 43 anni, con il Crotone è alla seconda esperienza in Serie A dopo aver guidato il Livorno nel 2013-2014: “Non sarà facile, dobbiamo buttare il cuore oltre l’ostacolo. Io ho imparato cosa significa il primo anno di Serie A e per affrontarlo ci servirà entusiasmo e passione. Si parte da un’idea di gioco chiave, quella che il Crotone ha usato per vincere il torneo di Serie B. Mi fido ciecamente del ds Ursino che ha dimostrato in questi anni di saper costruire ottime squadre e di scegliere giocatori diventati poi importanti. La società mi ha chiesto di trarre il massimo dalla squadra che avrò a disposizione: Crotone è l’ambiente giusto per esprime le proprie qualità e credo che qui avrò l’opportunità per poterlo fare. Mi aspetto di avere dei giocatori che saranno molto motivati”.

Il neo allenatore del Crotone non ha parlato di moduli o mercato. Neppure di obiettivi: “Gli obiettivi non vanno dichiarati, ma raggiunti. Senza coraggio si fa poco. Noi dobbiamo avere il coraggio di avere coraggio anche se, e questo capiterà in Serie A, si perde e si perde anche male. Ma non dobbiamo fare passi indietro altrimenti è difficile che si faccia qualcosa di importante”.

Per quanto riguarda i giovani il neo allenatore rossoblu ha ribadito: “Ammiro il Crotone perché sulle politiche giovanili è una delle poche se non l’unica società che è stata coerente. Anche il Serie A è possibile valorizzare i giovani anche se aumentano le difficoltà. Ma se c’è la coerenza i risultati arrivano”.

In attesa di partire per il ritiro in Sila, il tecnico ha già fissato il primo allenamento per domenica 10 luglio alle ore 17 a Steccato di Cutro.