Nicola: in queste cinque gare dobbiamo essere straordinari

“In ogni gara da qui alla fine del campionato dovremmo essere straordinari”. Lo ha sostenuto l’allenatore del Crotone, Davide Nicola, nella conferenza stampa che precede la sfida di domenica contro un Milan in cerca di riscatto e di punti per conquistare un posto nell’Europa League. “La necessità di fare punti è di tutti soprattutto da parte di chi ha degli obiettivi. Per noi è assolutamente necessario. Dobbiamo recuperare ancora tanti punti. Non ci interessa se sia l’Empoli o il Genoa, né chi è l’avversario di turno. Noi adesso siamo nelle condizioni di fare qualcosa di eccezionale: è difficile recuperare, ma nulla è impossibile”.

simyNicola tiene un profilo basso nonostante il cammino del Crotone, 10 punti nelle ultime quattro gare, sia pari solo a quello della Juventus capolista: “Paradossalmente questa striscia positiva non ha avuto la valenza che ci aspettavamo perché ha vinto anche l’Empoli, fare questi risultati, però, ci ha dato maggiore sicurezza nei nostri mezzi”.
A parte Stoian che ha qualche problema di salute, il resto della squadra è tutto a disposizione del tecnico per nulla preoccupato di aver 5 diffidati: “Non cambierò formazione per questo”. Su Simy, risultato decisivo con i suoi gol a Torino e a Genova contro la Sampdoria, il tecnico ha parole di elogio: “E’ cresciuto tantissimo visto che veniva da un campionato dove non era abituato al gioco che c’è nella serie A italiana”.
L’allenatore del Crotone rivela di aver studiato con la squadra attentamente il Milan: ” Io non temo il Milan, ma ne riconosco la qualità e la precisa identità di gioco. Dobbiamo essere coscienti che giochiamo in casa ed essere disposti a rischiare qualcosa senza perdere l’equilibrio di gioco. Abbiamo visto dei momenti in cui possiamo creare problemi e far loro male”.
Sorride Davide Nicola quando gli si fa notare che dopo aver ridato la speranza di salvezza adesso sono sparite tutte le critiche nei suoi confronti: “Questo lavoro – dice l’allenatore – mi piace proprio per le chiacchiere che si fanno. Mi diverte sia a sentirne di belle che di brutte. Se non ci fossero le critiche dle pubblico sarebbe di una noia mortale”.
Ultima battuta riguarda la Var (moviola in campo) dal prossimo anno: “Per uno sport come il calcio che muove tanti interessi la Var può essere uno strumento importante per accrescerne la credibilità e per aiutare la professionalità degli arbitri. Sono contento per loro perché così nessuno potrà più pensare in modo negativo”.