Nuova scossa di terremoto alla foce del fiume Neto

STRONGOLI – Ancora un sisma nel crotonese, ancora nella zona della foce del Fiume Neto come era accaduto già nel mese di ottobre. Il terremoto di magnitudo 2.9 è avvenuto alle 15.45 del 14 novembre ad 8 km a sud est di Strongoli. A differenza delle altre volte questa volta l’epicentro è sulla terraferma e non in mare. In particolare la zona da cui è partita la scossa – che è stata avvertita dalla popolazione – è avvenuta nel bosco di Fasana a circa 2 km dal castello.

La scossa è stata avvertita dai comuni limitrofi come a Melissa dove si è attivato il locale gruppo di protezione civile ma non si registrano danni a persone o cose.

Nel mese di ottobre sono state diverse le scosse sismiche registrate in Calabria e nel crotonese. La più forte è stata quella del 15 ottobre avvenuta, magnitudo 3.9, sempre alla foce del Neto che ha causato anche la chiusura di scuole in diversi comuni, nei giorni successivi ci sono state diverse scosse di magnitudo più bassa.  Il 7 ottobre, invece, ce n’era stata una del 4° grado con epicentro a Caraffa nel catanzarese. Il 25 ottobre, invece una scossa di 4.4 gradi di magnitudo è avvenuta al largo di Scalea sulla costa tirrenica. Alle 7.58 del 31 ottobre c’è stato un sisma di magnitudo 3.9 con epicentro nel mare al oltre 40 km dalla costa di Isola Capo Rizzuto.Nel mese di agosto erano state quattro le scosse di lieve intensità registrate sulla costa crotonese.