Pallanuoto, l’Auditore Crotone affonda il Catania e ‘vede’ la serie A2

Auditore show e serie A2 più vicina. Il settebello crotonese affonda il Catania 11-4 e ora proverà a chiudere i conti mercoledì nella sfida di ritorno in programma in Sicilia. Non conta la differenza reti, per cui  al Catania basterà vincere anche 1-0 per arrivare alla bella che si disputerebbe a Crotone.

La partita è un monologo dei pitagorici sempre davanti e con un primo parziale decisivo, chiuso con un 4-0 che ha immediatamente messo la partita in discesa, sempre sotto controllo tra l’entusiasmo di un pubblico numeroso e caloroso che ha invaso la piscina olimpionica. Fin dalle prime battute l’Auditore ha dimostrato una maggiore qualità nelle giocatore, una superiorà prestanza fisica e atteggiamento al match, confermando le buone impressioni esibite nella semifinale vinta contro Roma. Sugli scudi ancora una volta il portiere Mattia Conti, protagonista di alcune prodigiose parate, ma è stata ancora una volta la vittoria del gruppo, capace di interpretare al meglio i momenti della partita tenendo sempre a distanza di sicurezza i siciliani.

Si torna in vasca mercoledì alle 16,30 in casa dell’Etna Waterpolo Catania: l’Auditore proverà a chiudere i conti e festeggiare la serie A2 vincendo, altrimenti sarà tutto rimandato alla bella. Ma in casa Rari Nantes questa eventualità non viene al momento presa in considerazione.

Crotone Rari Nantes “Auditore” – Etna Waterpolo Catania 11-4 (5-2; 1-0; 2-1; 3-2)
Crotone: Conti, Namar 3, Amatruda 2, Arcuri V., Bezic 2, Cavallaro, Candigliota, Morrone, Spadafora 3, Chiodo 1, Manna, Latanza, Palermo. All: Arcuri F.
Catania: Presenti, Sazli, Ferlito, Di Giacomo, Scollo 1, Terminella, Piazza 1, Forzese 1, Riolo 1, Ferlito, Lanto, Fiorito, Floresta. All: Mantesana
Arbitri: Guarracino e Bonavita di Napoli


In questo articolo: