Pallanuoto serie A2, l’Auditore sbanca Pescara: tre punti d’oro per la salvezza

La sconfitta di Roma immediatamente ribaltata dalla straordinaria vittoria in casa del Pescara. E’ stato un venerdì di sorrisi per la Rari Nantes Crotone, che si è recata ad Avezzano per disputare la terzultima gara di campionato di serie A2 nell’anticipo di giornata. I crotonesi hanno condotto un’eccellente partita di forza e carattere vincendo con risultato 7-6 sui delfini, tornando subito a Crotone, pensando già alla prossima gara che li vedrà impegnati sabato alle ore 13,00 con i Muri Antichi nello scontro salvezza.

La Rari Nantes Crotone ha disputato la partita, poi vinta. sotto gli occhi di Amedeo Pomilio, icona della pallanuoto italiana, vice presidente del Pescara, battendo un blalsone, squadra tra le più forti fisicamente, tra le più strutturate in Italia, che ha vinto campionati e Champions League. Una formazione che ha collezionato molti scudetti e campione d’Europa. Una signora squadra, a cui vanno i nostri complimenti per la partita disputata: «Alla squadra che ci ha ospitati i nostri migliori complimenti – ha dichiarato il capitano Vincenzo Arcuri – per la loro storia e per il gioco di questa sera. Complimenti vanno anche a tutta la mia squadra che ha giocato un’ottima partita, difendendosi come solo le grandi squadre sanno fare in tutti gli uomo meno, e i complimenti al portierone Mattia Conti, tra i migliori portieri della Serie A2 in circolazione. Adesso testa al campionato per lo scontro diretto sabato in Piscina con i Muri Antichi Catania”.

Un super Riccardo Spadafora ha calato il tris, a cui hanno risposto le doppiette di Aldo Amatruda e Petr Markcoh. La Metal Carpenteria Rari Nantes Crotone adesso è penultima in classifica con 11 punti, frutto di tre vittorie e due pareggi, a quattro punti di distanza dai catanesi fanalino di coda. Mentre le rivali Cesport e Arechi Salerno sono appaiate in classifica con 14 punti, e con loro ci si giocherà tutto e per tutto per superarle nelle ultime due partite rimanenti, scongiurando i play out per una salvezza piena.

PESCARA-R.N. CROTONE 6-7 (2-2, 2-1, 1-1, 1-3)
Pescara: Volarevic, Di Nardo, Laurenzi, C. Di Fulvio 2, De Ioris, Sarnicola, D. Giordano 1, Di Fonzo, Provenzano, D’Aloisio 2, Calcaterra, A. Agostini 1, F. Molina. All. Malara.
Metal Carpenteria R.N. Crotone: Conti, Perez, Amatruda 2, V. Arcuri, M. Aiello, Orlando, Candigliota, Morrone, Spadafora 3 (1 rig.), Graziano, Markoch 2, Latanza, Sibilla. All. Arcuri.
Arbitri: Rotondano e Rovandi.