Piazza Maestri del lavoro, fogna: cede l’asfalto sopra i nuovi tubi

C’è poco da stare allegri. Quell’avvallamento è la spia di un cedimento del terreno che presto potrebbe dare luogo ad una voragine. I soliti lavori pubblici realizzati alla bell’e meglio, in questo caso quelli della nuova condotta fognaria di via Gallucci, destinata a sfoltire il carico dei reflui sulle vecchie tubazioni di viale Gramsci, fonte di sversamenti in mare ogni qualvolta si supera la portata limite.

L’area, nei pressi della rotonda di piazza Maestri del lavoro, è stata transennata, ma bisogna intervenire subito prima che il terreno ceda tirando giù il manto di asfalto, compromettendo, di conseguenza, la tenuta della strada e dello stesso marciapiede, considerato che la nuova condotta posata in quel punto è collegata con la vasca di sollevamento realizzata a valle, a pochi metri di distanza dalla rotonda, all’angolo dell’incrocio che collega piazza Maestri del lavoro con via Roma. Ma non tocca al Comune farlo.

I lavori di collettamento dal Cimitero a via mario Nicoletta sono stati realizzati dall’Ufficio del commissario straordinario delegato per la depurazione delle acque reflue in Calabria. Realizzati ed ancora non consegnati, oltre, come si vede, che già fonte di guai, nonostante l’urgenza con la quale sono stati a suo tempo avviati per evitare i disastri estivi della fogna a mare, lo scorso anno evitati solo grazie ad un massiccio intervento di manutenzione e monitoraggio straordinari sulle vecchie pompe di sollevamento che corrono sotto il lungomare.



In questo articolo: