Premio Letterario Caccuri, al via la decima edizione

CACCURI – Si apre venerdì 6 agosto la decima edizione del Premio Letterario Caccuri, il più importante concorso di saggistica in Italia, organizzato dall’Accademia dei Caccuriani, che festeggia il decennale con un programma speciale: oltre ad animare l’incantevole borgo di Caccuri dal 6 al 10 agosto 2021, abbraccia un periodo più ampio che si estende fino al mese di dicembre coinvolgendo anche il resto del territorio regionale con oltre 100 eventi e oltre 130 partecipanti tra autori e artisti.
Apre le cinque giornate (6-10 agosto) dedicate alla letteratura, al giornalismo, alla musica, al teatro, alla poesia e all’enogastronomia, nella location divenuta ormai icona dell’evento, l’affascinante piazza dell’Abbazia della Madonna del Soccorso o della Riforma risalente al XVI secolo, Il sapore dei libri, il ciclo di presentazioni che quest’anno coinvolge Raffaele Gaetano intervistato da Antonio Chieffalo, Enzo Ciconte intervistato da Giuseppe Gervasi, Marilisa Morrone e Filippo Veltri intervistato da Giusy Regalino.
Protagonisti della serata anche lo scrittore Franco Laratta e lo chef Emanuele Lecce, vincitore del Premio miglior chef emergente 2020 del Gambero Rosso, che presenta un piatto dedicato al Premio Letterario Caccuri realizzato con alcune delle eccellenze agroalimentari locali.
Tra i numerosi appuntamenti che anticiperanno la serata di premiazione finale, sabato 7 agosto Omaggio al sommo poeta Dante con il concerto lirico ideato e diretto da Luca Mazzei, con la partecipazione di Maria Silecchio (soprano), Vincenzo Spinelli (tenore) e Sergio La Stella (pianoforte); e un omaggio al maestro Franco Battiato domenica 8 agosto con la Lectio magistralis dell’antropologo Gonzalo García Fernández accompagnato da Emanuele Filella al violino e dalle letture dell’attrice Imma Guarasci.
L’8 agosto si terrà anche la cerimonia di premiazione a Gaetano Savatteri, vincitore della Sezione Narrativa della X edizione del Premio Letterario Caccuri, durante la serata condotta da Tiberio Timperi e dalla giornalista di LaC TV Rossella Galati, che si concluderà con lo spettacolo di musica e cabaret della Rimbamband.
Molti i temi di stretta attualità al centro della manifestazione, come testimoniano i saggi selezionati per l’edizione 2021 che si contenderanno l’ambito riconoscimento nella serata conclusiva del 10 agosto condotta da Luca Barbarossa insieme alla giornalista di LaC TV Francesca Lagoteta: “Oltre la tempesta. Come torneremo a stare insieme” (Mondadori) di Paolo Crepet, “La scuola ci salverà” (Solferino) di Dacia Maraini, “E vissero tutti felici e contenti” (Cairo) di Crsitina Parodi, e “Danzare nella tempesta. Viaggio nella fragile perfezione del sistema immunitario” (Feltrinelli) di Antonella Viola.
Oltre agli spazi letterari, il cartellone di appuntamenti serali sarà inaugurato venerdì 6 agosto dalla Pfm (Premiata Forneria Marconi) in un fantastico viaggio tra musica, video e parole attraverso la storia del gruppo negli ultimi 50 anni con Franz Di Cioccio e Patrick Djivas. Dagli anni Settanta fino ai giorni nostri dove, dopo 50 anni di carriera, PFM continua a raccogliere un grande successo di critica e di pubblico, sia in Italia che all’estero. Non solo ricordi, ma anche momenti musicali con Micol Arpa Rock che suonerà, con il suo magico strumento, alcuni brani della band appositamente riarrangiati. Franz e Patrick si uniranno a lei, regalandoci momenti inediti ed estemporanei di grande musica.
Sabato 7 il concerto di Enzo Avitabile “Storie di musiche e parole del grande Sud”, domenica 8 i monologhi di Stefano Massini, fino allo spettacolo di musica e parole di Roberto Vecchioni, ospite speciale della serata conclusiva il 10 agosto con “Lezioni di volo e di atterraggio”, il suo ultimo libro edito da Einaudi, il racconto appassionato, colto, ironico e originale delle “giornate di follia” con i suoi alunni, quando si davano appuntamento in un parco e partivano ogni volta da un argomento diverso per poi spaziare senza sapere dove arrivare. Così come avviene nel libro con i suoi studenti, il Prof. Vecchioni offre un’esca, un appiglio al pubblico per attraversare insieme lo spazio della storia, della letteratura e della canzone. A seguire, il cabaret di Andrea Perroni che chiude la kermesse.