Prostituzione, sgominata banda che sfruttava giovani donne straniere

prostituzioneDisponevano della vita di alcune ragazze, anche giovanissime, costrette a prostituirsi nella zona della Sibaritide e all’occorrenza adoperavano anche metodi violenti. Sono sei le persone, di cui cinque irreperibili, accusate di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, destinatarie di altrettante ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse Procura della Repubblica di Castrovillari.

Si tratta di tre romeni A.Z., di 30 anni, D.P.K. (37) e P.D. (51), due italiani A.D.C. (59), e C.D.C. (50) e di una donna moldava P.M. (46). Solo a D.C. è stato notificato il provvedimento ed è stato posto ai domiciliari. L’indagine coordinata dal procuratore di Castrovillari Eugenio Facciolla e condotta dalla Squadra mobile di Cosenza, è partita nel gennaio 2015. A supporto sono stati raccolti riscontri oggettivi come foto e video, intercettazioni telefoniche, controlli su strada, appostamenti e pedinamenti.