Pugliese: 600 mm di pioggia, ma la città è in piedi non in ginocchio

pugliese, maltempo, crotone unità di crisi, protezione civile

CROTONE – “Questi giorni sono stati difficili per la città, ma la comunità li ha vissuti con responsabilità e grande maturità. Il primo ringraziamento è per voi concittadini. La vostra collaborazione è stata preziosa”. E’ quanto si legge in una nota a firma del sindaco dopo il forte maltempo che ha colpito Crotone nel fine settimana. Ugo Pugliese, che ha seguito costantemente l’evolversi della situazione, invitando la cittadinanza ad attenersi alle disposizioni dell’Unità di crisi, ringrazia quanti hanno dato il loro contributo per superare il difficile momento.

“Ringrazio il Centro operativo comunale che ha attuato con puntualità i piani di intervento. Ringrazio i consiglieri comunali, tutta la squadra di Giunta, i dirigenti ed i dipendenti comunali che h24 hanno prestato la loro opera, così come i volontari delle associazioni di protezione civile, i vigili del fuoco, l’Esercito. Nessuno si è risparmiato in queste ore complicate” aggiunge il primo cittadino. “Ringrazio sua eccellenza il prefetto, la Prefettura, l’Unità di crisi, le forze dell’ordine. Un ringraziamento sentito al responsabile della Protezione civile regionale Carlo Tansi”.

Il sindaco informa che sabato sera, alle 20, è stata sciolta l’Unità di crisi alla presenza del dottor Carlo Tansi “che ha evidenziato il lavoro che l’amministrazione ha fatto sia in fase di prevenzione sia in fase protezione civile” ed ha comunicato i dati ufficiali. “Oltre 600 millimetri di pioggia caduta sul territorio comunale senza gravissime criticità non sono risultati occasionali” rileva Pugliese, ricordando che “il giorno della tragica alluvione del 1996 caddero 200 millimetri di pioggia” ed invitando a trarre “le logiche conclusioni”.

Per tutta la giornata sono andati avanti gli interventi di pulizia della città mentre si fa la conta dei danni. “C’è ancora tanto, anzi tantissimo da fare” conclude il sindaco, ma intanto “godiamoci una città in piedi e non in ginocchio”.