Pugliese: la videosorveglianza c’è. Consiglio comunale nel centro storico

videosorveglianza, caccuri, ministero interno, criminalità

CROTONE – “E’ opportuno che i cittadini sappiano che nel centro storico abbiamo installato diciannove telecamere di video sorveglianza e sono perfettamente funzionanti. E non è un caso che siano state utili allo svolgimento delle indagini del delitto che si è verificato domenica sera”. E’ quanto afferma il sindaco di Crotone, Ugo Pugliese, in relazione alle polemiche nate dopo il fatto di sangue di sabato 7 settembre – che ha avuto come teatro il dedalo di viuzze del centro storico, quelle stesse zone dove altri due omicidi si sono purtroppo verificati negli ultimi 18 mesi.

“Lo chiarisco – aggiunge il sindaco Pugliese – proprio a tutela dei miei concittadini che debbono avere contezza che l’impegno che avevamo assunto di installare la video sorveglianza nel centro storico lo abbiamo mantenuto. Le telecamere funzionano; i filmati vengono direttamente convogliati al server del Comando della Polizia Locale a disposizione delle autorità competenti in materia di ordine pubblico e sicurezza. Non abbiamo mai fatto mancare a questi ultimi la nostra collaborazione e non riteniamo giusto che i cittadini non percepiscano quanto è stato fatto in materia. Ma non intendiamo – tiene a precisare Pugliese – fermarci qua perché stiamo lavorando intensamente affinché il centro storico ritorni ad essere quel luogo centrale della vita cittadina. Anche la modifica della viabilità va in questo indirizzo”.

“Insieme al presidente del Consiglio Comunale – annuncia poi il sindaco Pugliese – stiamo valutando l’opportunità di tenere un Consiglio Comunale straordinario proprio nel centro storico. Nel frattempo, ribadisco, l’occhio vigile delle telecamere è attento su quanto avviene nel centro storico che per fortuna è popolato di persone perbene che hanno diritto a vivere in serenità”.