Quartieri, Tufolo: c’era una volta piazza Padri della Patria

I protagonisti del Risorgimento avrebbero fatto volentieri a meno di prestare la loro immagine a quella piazza degradata. Eppure è a loro (“Mazzini, Cavour, Vittorio Emanuele II…”) che Pasquale Senatore volle dedicarla quando la tirò su dal niente nel cuore del rione Tufolo ed invitò il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, in occasione della sua visita a Crotone, ad inaugurarla. Era il 14 gennaio 2005. L’allora capo dello Stato, insieme alla moglie Franca, scoprì la targa ‘Piazza padri della Patria’ di fronte ad una folla plaudente che lo aveva seguito nel tragitto dal PalaMilone, dove aveva incontrato in mattinata le autorità, a Tufolo.

Oggi di quella piazza resta poco o niente, come si vede nella nostra fotogallery. Concepita come luogo di aggregazione e di ritrovo per il quartiere, negli anni si è trasformata in un ricettacolo di rifiuti, un punto di ritrovo per tossici. Dell’arredo urbano resta poco o niente, i vandali hanno distrutto tutto quello che c’era da distruggere, a partire dai lampioni, una ventina, alcuni dei quali ancora in piedi, altri piegati, e tutti buoni ormai solo per il ferrivecchi. La fontana è ridotta ad una latrina, mentre da anni è sparita anche la vicina targa toponomastica scoperta da Ciampi. E sparito sembra anche il Comune…