Regionali, Callipo: per la Calabria l’ultima chance. E venerdì riceve Zingaretti

“Io intendo dare una mano alla Calabria non a questa o quella parte politica. E sto dalla parte dei calabresi, da sempre e per sempre. Mi spinge ad accettare questa sfida la passione per la mia terra e il grido di sofferenza che avverto nei giovani che incontro quotidianamente e nelle famiglie calabresi che stentano a tirare avanti”. E’ quanto afferma l’imprenditore Pippo Callipo neo candidato del Pd alle elezioni regionali del 26 gennaio che venerdì prossimo, 6 dicembre, riceverà la visita del segretario nazionale del Partito democratico Nicola Zingaretti. Il segretario dem alle ore 11,30 sarà allo stabilimento Callipo di Maierato. Alle 15 incontrerà i rappresentanti delle organizzazioni sindacali calabresi. Alle 16 interverrà ad una manifestazione pubblica al T-hotel di Lamezia Terme insieme al candidato governatore Pippo Callipo.

“Se ho deciso di competere per la Presidenza della Regione – precisa strategicamente Callipo per accreditarsi come il candidato di tutte le forze rinnovatrici –  non è per affermare ragioni squisitamente politiche, pur accogliendo con estremo piacere l’adesione al progetto di cambiamento della Calabria di autorevoli  forze del centrosinistra e di una nutrita  rappresentanza della società civile con cui mi auguro si possa fare una radicale azione di bonifica dell’Ente Regione”.

“Ho  accettato di candidarmi – aggiunge – per fare uscire la nostra bellissima regione dall’isolamento in cui è stata cacciata. E’ insopportabile vedere che la mia regione non conta niente in Italia e in Europa, eppure vanta ricchezze naturalistiche di primissimo piano, un imponente patrimonio storico, culturale ed artistico, nonché talenti qui inutilizzati e costretti alla fuga. Le mie parole d’ordine sono sempre state: legalità, trasparenza amministrativa, sacrificio per ottenere risultati tangibili, merito e competenza. Mi rendo conto che sono parole che infastidiscono quei calabresi, tra i quali alcuni  che in queste ore mi contestano, abituati a galleggiare nel sottobosco politico con l’unica incombenza di fare clientela per il padrone di turno che provvede a remunerarli con risorse pubbliche, ma bisogna farsene una ragione. Il tempo delle chiacchiere e della politica utile solo a se stessa è finito”.

La crisi economica morde e in Calabria abbiamo l’urgenza di promuovere sviluppo economico vero e nuova occupazione. Dobbiamo mettere a valore ciò che abbiamo, ma possiamo farlo soltanto se siamo credibili, mettendo ordine laddove oggi regnano nefaste sovrapposizioni fra politica e burocrazia e cacciando dagli spazi pubblici speculatori e truffatori. La prossima legislatura regionale – avverte quindi Pippo Callipo – sarà la salvezza della Calabria, se sapremo programmare le risorse e finalizzarle allo sviluppo e alla crescita, oppure la sua definita soccombenza. Non c’è un terzo scenario. E lo sanno bene gli imprenditori che, nonostante i successi, avvertono la fatica di stare sui mercati, le forze sociali, le famiglie calabresi, il mondo associativo e della cooperazione, la Chiesa, le Università, i nostri sindaci sempre più soli nel fronteggiare i bisogni ed ai quali chiedo di fare squadra e di lavorare assieme per il bene comune”.

“Appronteremo presto un programma – promette infine Callipo – in cui saranno indicati gli obiettivi generali da conseguire e che avrà un monitoraggio periodico e pubblico, ma, la prima cosa da farsi, è riorganizzare la macchina burocratica della Regione, perché smetta di essere una zavorra per coloro che, a costo di molti sacrifici, producono ricchezza e generano opportunità occupazionali. Dobbiamo farlo, privilegiando le competenze e il merito e valorizzando le moltissime risorse umane di cui la Regione dispone e che non aspettano altro che mettersi al servizio del bene pubblico”.

Dal canto suo il commissario regionale del Partito democratico della Calabria Stefano Graziano afferma che “l’arrivo del segretario nazionale – commenta – è un passaggio importante di quel percorso di rinnovamento e cambiamento che abbiamo costruito negli ultimi mesi. Il Partito democratico con Pippo Callipo candidato governatore vuole cambiare la storia della Calabria”.