Sbarco a Cirò, arrestati due scafisti traditi dal video nel telefonino

CIRO’ – Traditi dal video che i carabinieri gli hanno trovato sul telefonino. Due persone di nazionalità ucraina sono state arrestate dai carabinieri della stazione di Cirò per favoreggiamento all’immigrazione clandestina. I due hanno condotto fino alla spiaggia di Marinella l’imbarcazione a vela dalla quale il 6 settembre sono sbarcati 57 migranti.

I militari dell’Arma, intervenuti sul luogo dello sbarco, su disposizione del capitano Alessandro Epifanio, comandante della Compagnia di Cirò Marina, hanno subito avviato le ricerche di eventuali scafisti nella zona. I due sono stati individuati  nel centro abitato di Torretta di Crucoli verso le 13.30. Gli ucraini, di 45 e 48 anni, sono stati fermati e condotti alla caserma di Cirò Marina per l’identificazione. Qui, dopo aver controllato il telefono i carabinieri hanno scoperto il video che li ritraeva mentre timonavano il veliero. Video che è stato successivamente mostrato ai migranti che li hanno riconosciuti come i due che hanno condotto la barca fino alle coste calabresi. Gli arrestati sono stati trasferiti presso il carcere di Crotone.