Scuola, iscrizioni: studenti indecisi, 2 su 3 verso il liceo

skuola.net, iscrizioni, istruzione, licei

ROMA – Il 7 gennaio aprono le iscrizioni e gli studenti saranno chiamati a fare il grande salto dalle scuole medie alle superiori. La decisione del Miur di anticipare la finestra in cui si dovrà decidere a quale indirizzo (e soprattutto a quale istituto) segnarsi per l’anno 2019/2020 ha spiazzato non poco i ragazzi. Quasi la metà (44%) non ha ancora le idee chiare. È questo il dato saliente della ricerca – effettuata su 4mila studenti di terza media – condotta da Skuola.net in collaborazione con Radio24. Una scelta che, però, è considerata dagli stessi ragazzi davvero importante: per l’89% le scuole superiori sono un passaggio chiave per il lavoro che si andrà a fare da grandi.

Questo anticipo di una decina di giorni ha fatto lievitare il numero degli indecisi. Basti pensare che, dodici mesi fa (quando le iscrizioni aprivano a metà gennaio), il dato si fermava al 36%. Anche perché, nel frattempo, sembrano migliorare le attività di orientamento organizzate dalle scuole: quasi 9 studenti su 10 – l’87% – hanno effettivamente partecipato a incontri mirati (nel 2017 erano l’80%). Solo il Sud resta sui numeri dell’anno scorso, ma il dato è comunque buono. Due studenti su 3 sembrano orientati ad andare al liceo; il 21%, invece, sembra prediligere un istituto tecnico; il 9% un istituto professionale; il 4% un corso regionale di formazione professionale.

La maggior parte (53%) sostiene di aver già in mente il lavoro che vorrà fare da grande. Ma una quota altrettanto elevata (55%) ha paura di non riuscire a trovarlo alla fine degli studi (sia che in tasca abbia il diploma o la laurea). In tantissimi il loro futuro (lavorativo o universitario) lo vedono fuori dall’Italia: per il 38% è una possibilità, per il 24% praticamente una certezza.