Scuola, studentessa ‘Alfiere del lavoro’, l’emozione del preside

maria cristina fiore, liceo telesio cosenza, alfiere del lavoro, sergio mattarella, quirinale

COSENZA – Maria Cristina Fiore, calabrese, diplomatasi lo scorso anno presso il liceo classico europeo Telesio di Cosenza, è la studentessa più brava d’Italia. Ieri, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al Quirinale, le ha conferito il premio ‘Alfieri del lavoro – Medaglia del presidente della Repubblica’.

Il dirigente scolastico del liceo cosentino, Antonio Iaconianni, al termine della cerimonia ha dichiarato: “Non nego in questo momento la mia commozione ed il mio entusiasmo. Noi del Telesio abbiamo avuto il privilegio di avere Maria Cristina come nostra studentessa e posso assicurare che è una ragazza speciale, un modello per tutti, per i suoi coetanei come per noi adulti. Mi preme evidenziare che Maria Cristina è l’unica, tra i venticinque alfieri del lavoro, ad aver riportato la media del dieci nel suo percorso di studi superiore, un risultato veramente straordinario e meritato. Una vera eccellenza, prima sul piano umano e poi come studentessa”.

“Devo dire – ha continuato Iaconianni – con un pizzico di orgoglio, che la nostra scuola, particolarmente in questi ultimi anni, è fucina di grandi personalità che subito dopo il diploma si impongono sulla scena nazionale ed internazionale raggiungendo ambiziosi traguardi. Mi piace dire che esportiamo l’immagine migliore della Calabria e del Sud nel mondo”.

“E’ un premio – ha concluso il dirigente scolastico – che sentiamo anche nostro, del nostro liceo, della nostra terra. Maria Cristina in questi anni di liceo classico europeo ha alimentato una visione cosmopolita ed aperta del mondo e della cultura, senza trascurare, con lo studio delle lingue classiche, i profondi legami con le nostre origini e questo straordinario riconoscimento si deve al suo carattere solare e alla serietà professionale che mette in ogni sua attività. A lei, alla sua mamma ed al suo papà giungano i nostri più cari auguri”.