Serie B, Crotone da applausi a Cittadella: altri tre passi avanti verso la serie A

La replica è servita. Quella progettata a tavolino e proiettata con un esito perfetto sul prato del Tombolato dopo aver affondato il Benevento sette giorni prima. Il Crotone compie il blitz più atteso in faccia al Cittadella, si arrampica a quota 58 e inserisce un altro importante mattoncino nella corsa alla serie A. Soltanto il Pordenone tiene il passo, e lunedì allo Scida si preannuncia una sfida vietata ai deboli di cuore.

Le avvisaglie di una condizione in evidente lievitazione sono state confermate dalla performance da urlo in Veneto. Impreziosita dalla doppietta astuta di Messias e dalla rete da spellarsi le mani di Simy, capace di mandare a nanna mezza difesa e dribblare anche il portiere. Un concentrato di qualità e quantità esposto da tutto il gruppo, che ha ben presto preso le chiavi della contesa e ha pilotato la sfida a proprio piacimento. Il gol che ha messo sui binari desiderati la contesa lo ha realizzato Messias, rapace nello strappare la palla dai piedi di un distratto Iori e infilarla sotto il corpo di Paleari. Il Crotone avrebbe potuto anche raddoppiare qualche minuto dopo con Molina, ma il controllo della partita è stato totale, con un palleggio di alto livello e verticalizzazione improvvise che hanno mandato in tilt l’apparato difensivo del Cittadella. Il raddoppio che ha di fatto indirizzato il match è stato opera di Simy, straordinario a proteggere palla e lanciarsi in un assolo che si è concluso con la palla depositata in rete: 17° centro stagionale per l’attaccante nigeriano, sempre più uomo della provvidenza. Del Cittadella poche tracce, mentre il Crotone ha continuato ad imperversare con trame ficcanti ed efficaci, riproposte identiche anche nella ripresa, che ha visto il tris confezionato da Messias, ancora una volta letale nel fiondarsi su una palla vagante e piazzare col sinistro sul palo lungo. Partita virtualmente finita, riaperta soltanto in parte dal gol di Panico, che però non ha scalfito le certezze e gli equilibri di un Crotone a quel punto pago del risultato e bravo a gestire una fase di legittimo allentamento della pressione. Potevano arrivare altre reti, ma la mira di Zanellato e Simy non ha trovato l’appendice ideale. Poco male, col risultato in cassaforte il Crotone ha governato il finale con pochi patemi, godendosi un successo fondamentale nella corsa alla promozione.

CITTADELLA – CROTONE  1-3

Marcatori: 11′ Messias (CRO), 37′ Simy (CRO), 49′ Messias (CRO), 65′ Panico (CITT)

CITTADELLA (4-3-1-2): Paleari; Benedetti, Frare, Adorni, Ventola; Proia (80′ Vita), Iori (60′ Gargiulo), Branca; D’Urso (60′ Panico); Stanco (55′ De Marchi), Diaw (55′ Luppi). A disp.: Maniero, Mora, Camigliano, Bussaglia, Panico, Rizzo, Luppi, Vita, Rosafio, De Marchi, Gargiulo, Pavan. All. Venturato

CROTONE (3-5-2): Cordaz; Cuomo, Golemic, Marrone (68′ Curado); Gerbo (68′ Mustacchio), Molina, Zanellato, Barberis, Benali (90′ Gomelt); Messias (73′ Armenteros), Simy (90′ Maxi Lopez). A disp.: Figliuzzi, Festa, Curado, Gigliotti, Mustacchio, Armenteros, Jankovic, Bellodi, Crociata, Gomelt, Lopez, Mazzotta. All. Stroppa

Arbitro: Serra  (sez. di Torino)

Ammoniti: Benedetti, Adorni, Diaw, Branca (CITT), Marrone, Barberis, Mustacchio (CRO)