Serie B, Gianni Vrenna: “Simy? Lavoriamo al rinnovo, e Stroppa vogliamo tenerlo”

Gianni Vrenna

Per la salvezza manca un punto. Ma il più ormai è fatto. Ne è consapevole anche Gianni Vrenna, che ha sofferto nel corso della lunga stagione che ha visto il Crotone ad un certo punto impantanato in fondo, ma che in cuor suo ha sempre sperato di vedere risollevato. La vittoria contro il Benevento è un quasi sigillo alla salvezza, obiettivo diventato essenziale in corso d’opera dopo che in estate erano ben altri gli obiettivi: “Siamo riusciti a portare a casa una vittoria fondamentale – commenta – peccato per la vittoria del Livorno che ci impedisce di festeggiare il traguardo in anticipo. Ma ormai manca davvero poco. Il presidente tira un enorme sospiro di sollievo, anche se aspetta ancora la certificazione aritmetica: “Per come si era messa la stagione è un grande risultato. Pensiamo soltanto a dove eravamo a fine dicembre. La squadra nel girone di ritorno ha però dimostrato il suo reale valore, peccato lo abbia fatto soltanto per metà campionato. Questo comunque ci offre la possibilità di rivalutare i progetti e le ambizioni, evitando voli pindarici come fatto la scorsa estate. Anche noi volevamo la serie A. E lo dico già da ora: ripartiremo, se ci salviamo, da come si costruiva in passato il Crotone”.

La salvezza quasi acquisita spalanca le porte per i primi ragionamento sul futuro. Sul tavolo presidenziali due nodi chiave, ossia Simy e Stroppa. Il nigeriano, esploso ancora una volta in primavera, è in scadenza mentre il coach ha un altro anno di contratto. Il patron non ha dubbi sulla volontà del club: “Stiamo discutendo al rinnovo di Simy – conferma – è un mesetto che ci stiamo lavorando. in settimana incontreremo i procuratori del ragazzo, ma per quanto mi riguarda credo ci siano tutti i presupposti per continuare insieme. Il nostro obiettivo è di prolungare e di tenerlo un’altra stagione con noi”. Anche sul futuro di Giovanni stroppa, il presidente ha le idee chiare: “c’è un altro anno e da parte nostra c’è la volontà di confermarlo. Poi dipenderà anche e soprattutto da lui”.