Serie B, il Crotone travolge anche il Venezia e vola al secondo posto

Quattro vittorie consecutive  e secondo posto. Il weekend sul Canal Grande del Crotone è una festa completa. Quella confezionata a Venezia grazie al tris firmato da Benali (doppietta) e Marrone. Tre punti pesanti e meritati a coronamento di una prestazione di altissimo livello per qualità quantità e intensità. A completare il pomeriggio il ko casalingo del Frosinone che permette il sorpasso dei rossoblù.

Stroppa perde Armenteros per una gastroenterite e lo lascia in albergo. La scelta è Crociata con Messias che si allinea a Simy. La partenza dei rossoblu è incoraggiante e mostra subito una condizione in grande crescita.

Il Crotone aggredisce alto il venezia e prende presto in mano le operazioni. E impiega pochi minuti per sbloccarla grazie al delizioso assist Molina che taglia il campo trovando l’incursione di Benali sublime nel controllo e altrettanto bravo col destro ad anticipare d’esterno Pomini in uscita. Sulle ali dell’entusiasmo il Crotone continua a dominare la scena  e sfiora il raddoppio prima con Messias e poi con Molina. Ma il 2-0 è solo rimandato ed arriva al culmine di una combinazione da urlo sugli sviluppi di un calcio piazzato. Barberis appoggia per Messias che scodella in area dove Marrone anticipa tutti e di testa fa centro. Del Venezia nessuna traccia, parte un colpo di testa pericoloso di Casale che sfiora il palo. Nel finale di tempo il secondo brivido, stavolta procurato da Capello ma Cordaz dice di no e manda il Crotone negli  spogliatoi sul doppio meritato vantaggio.

Dal tunnel sbuca un Crotone con identico atteggiamento e ferocia tanto che dopo appena due minuti arriva il tris. La firma è ancora di Benali che raccoglie la sfera servita da Molina  e dal limite pennella un destro che finisce nel ‘sette’. Doppietta come lo scorso anno al Penzo per l’anglo-libico che raggiunge quota 7 centri in stagione. Il Crotone abbassa i giri del motore e si concede qualche licenza difensiva rischiosa ed anche in attacco si affida a qualche leziosismo di troppo. Stroppa inserisce Mustacchio, Gomelt e Jankovic con il chiaro intento di congelare il match. Il Venezia ha però un sussulto nel finale con la sassata dai trenta metri di Caligara che abbatte la porta di Cordaz. Un paio di brividi disinnescati e la certificazione di un blitz che consegna la quarta vittoria consecutiva e il secondo posto. Niente male davvero.

VENEZIA-CROTONE 1-3: Benali 12′ e 47′, Marrone 36′, Caligara 83′

VENEZIA (4-3-1-2): Pomini; Fiordaliso, Casale, Marino (Caligara 75′), Molinaro; Firenze, Fioridilino, Maleh; Aramu, Capello (Zigoni 46′), Longo (Senesi 87′) All.Dionisi

CROTONE (3-5-2): Cordaz; Curado, Marrone, Golemic; Gerbo (Mustacchio 66′), Benali (Gomelt 72′), Barberis, Crociata (Jankovic 80′), Molina; Simy, Messias All.Stroppa

ARBITRO: Serra di Torino

AMMONITI: Gerbo, Casale, Messias, Mustacchio