Serie B, il Crotone vede ‘rosso’ a Verona: Simy illude ma il Chievo rimonta e vince

La notte di Verona è amara per il Crotone, che passa dall’illusione del blitz alla beffa di un ko che si porta dietro tonnellate di rimpianti. Fatale ai rossoblù l’espulsione di Zanellato nel cuore del secondo tempo, che ha spalancato la strada al Chievo, capace di bussare due volte e cancellare il vantaggio dei rossoblù costruito nel primo tempo.

Vido dal primo minuto per Messias e Zanellato per Crociata. Sono le due novità di Stroppa che modifica poco rispetto alla vittoria contro il Venezia. In difesa c’è Cuomo per l’infortunato Marrone, rimasto a Crotone  a curare l’infiammazione al tendine. La partenza viaggia sui binari dell’equilibrio per venti minuti.

Il gol che lo spezza all’improvviso è generato dalla caparbietà di Simy che controlla e difende palla all’interno dell’area, trova lo spintone ingenuo di Esposito che induce l’arbitro a fischiare il rigore che lo stesso attaccante nigeriano trasforma con freddezza. Il Chievo deve necessariamente aumentare i giri del motore, ma il Crotone rimane corto e compatto chiudendo ogni varco e rintuzzando i tentativi clivensi con ripartenze velenose. I rossoblu rischiano in un paio di circostanze, ma Rodriguez viene stoppato da Golemic mentre Brivio calcia a lato con Cordaz presente. Nel frattempo il Crotone avrebbe potuto raddoppiare con la triangolazione larga Barberis-Vido-Barberis che il play chiude calciando malamente da ottima posizione.

Il secondo tempo è sempre più vibrante e spigoloso, con il Chievo che aumenta la presenza territoriale pur senza creare particolari grattacapi a Cordaz. Il tempo scorre e il vantaggio rimane in custodia, ma dietro l’angolo arriva l’imprevisto. Zanellato colleziona due gialli in pochi minuti (ma il secondo è una svista clamorosa dell’arbitro) che rianima i veneti. Il neocentrato Giaccherini suona la carica e si procura il rigore causato da un’ingenuità di Spolli, che prova a difendere la palla sulla linea di fondo, che però non esce e gli sfugge via tallonato da Giaccherini che cade in area e ottiene il rigore che lui stesso trasforma. Partita in parità e spettacolo ancora in atto, con il Crotone che accetta il confronto e rischia di riportarsi avanti con una combinazione Messias (entrato per Vido) e Simy con quest’ultimo che calcia debole sil palo lungo. Il Chievo ribatte e a dieci minuti dallo scadere trova il gol del sorpasso con Rodriguez che si arrampica su un Golemic poco reattivo e supera Cordaz. Finale convulso con il Crotone che si catapulta in attacco alla disperata ricerca del pari, ma il forcing produce soltanto rimpianti e zero punti.