Serie B, l’orgoglio di Stroppa: “Non era semplice ripetersi su certi livelli”

Giovanni Stroppa incassa i tre punti che aveva progettato, osserva compiaciuto il processo di crescita che continua a lievitare e guarda al futuro con ottimismo. Voleva certezze e altri punti dopo la vittoria contro la Juve Stabia, con l’incognita degli impegni ravvicinati. Ma il Crotone non ha accusato alcun passaggio a vuoto: “Non era semplice ripetersi su certi ritmi – commenta  – Arrivavamo da sei giorni intensi, con viaggi incorporati, ed è per questo che devo fare i complimenti ai ragazzi. Purtroppo siamo stati sfortunati nelle precedenti partite, dove meritavamo certamente di più”

Una partita di grande livello, dominata e condotta senza particolari patemi. Ma Stroppa ha un solo cruccio: “Mi dispiace soltanto non averla chiusa nel primo tempo. Nei primi minuti potevamo essere più incisivi in qualche giocata, ma abbiamo legittimato la prestazione. E venire qui a Pescara e imporsi è motivo di orgoglio e soddisfazione per i miei giocatori”.

Tra i singoli è spiccata ancora una volta la prova di Messias Jr, 28enne brasiliano esploso in maniera dirompente: “Credo che abbia delle qualità importanti – commenta – e mi sono sorpreso perchè questo ragazzo non posso aver giocato prima in certe categorie. Ha tutto, oltre le qualità tecniche e fisiche, ha testa da professionista. Sono contento che i nostri osservatori lo abbiamo scovato e se lo siano accaparrato”.