Serie B, l’orgoglio di Stroppa: “Prova di grande spessore, ma testa al Pordenone”

“Orgoglioso ma già concentrato in direzione Pordenone. Giovanni Stroppa si gode soltanto per poco la superlativa affermazione di Cittadella, che ha confermato i progressi dei rossoblù sul piano atletico oltre che mentale. Alle porte c’è infatti l’appuntamento di lunedì sera contro il Pordenone allo Scida, che vale una fetta importante di serie A. “Sono davvero molto contento della prova offerta a Cittadella. Venire su questo campo e sfoderare una prova di questo spessore è sinonimo di grande forza mentale e tecnica”.

Stroppa però trova l’unico piccolo difetto di una partita per il resto perfetta. “Rimane solo l’amaro in bocca per non aver fatto più gol. Per il resto applausi a tutti i ragazzi, sono davvero contento”. Ma non c’è tempo per gioire e cullarsi, perchè lunedì sera arriva lo scontro diretto contro il Pordenone: “Stiamo meritando la posizione che occupiamo, ma tra tre giorni si gioca ancora e vogliamo confermarci. E’ uno scontro diretto, l’ennesimo. E bisogna rimanere concentrati fino in fondo”.

La vittoria di Cittadella è un segnale per la concorrenza? “Non lo è ancora, perchè il vantaggio sulla terza è rimasto tale. Ci sono ancora da giocare delle partite importanti e impegnative. Cercheremo di mantenere perlomeno lo stesso distacco. Ma proveremo a fare ancora meglio”

 

A segno sia Messias che Simy. “A me fa piacere che segnino gli attaccanti, ma al di là dei gol la cosa più bella è il lavoro di non possesso, nel raccordare il palleggio. Sono giocatori importanti per noi, e se poi fanno anche gol diventa perfetto”.