Calcio, Stroppa: “Contro il Palermo serve una grande prestazione”

stroppa, palermo, calcio, serie b, crotone

La marcia di avvicinamento alla sfida di Palermo consegna dubbi di formazioni e certezze nel progetto. Ossia quello di innescare la strada della continuità e risalire una classifica che al momento vede il Crotone in una posizione anonima di metà strada. Giovanni Stroppa punta forte sul posticipo di domenica sera al ‘Barbera’, e non esclude cambiamenti di formazione.

E alla domanda sulla possibilità di vedere novità tattiche, risponde in modo generale ma significativo. “C’è da aspettarsi di tutto, innanzitutto vedremo di mettere in campo gli uomini più pronti e poi vogliamo dare continuità di prestazione perché giocare quasi tutta la gara in dieci tenendo il campo in quel modo vuol dire che ci sono grandissime qualità”. Stroppa vuole ripartire da quegli ottanta minuti di qualità e carattere contro il Brescia: “Ci serve continuità – spiega – e il punto conquistato venerdì scorso è stato importante per il morale e la classifica. Ma dobbiamo continuare a fare punti e non fermarci”.

Naturalmente servirà un Crotone di alto livello per fronteggiare lo spessore di un Palermo peraltro senza punti di riferimento dopo l’avvicendamento in panchina: “Sarà una bella partita perché affrontiamo una squadra con ottima qualità e con qualche incognita visto che ha cambiato allenatore da poco. Magari abbiamo meno riferimenti anche se poi Stellone lo conosciamo per il percorso che ha fatto lo scorso anno al Palermo”.

Il tecnico rossoblù deve anche sciogliere alcuni dubbi sugli uomini da distendere sul prato siciliano, a cominciare da Nalini, vittima di un piccolo risentimento nel corso della settimana: “Lo stiamo monitorando, ma si è allenato col gruppo e credo che dovrebbe essere regolarmente a disposizione. Vaisanen e Cuomo sono pronti, deciderò in base agli uomini che mi offriranno maggiori garanzie. E poi c’è anche la soluzione Barberis, un uomo che rappresenta un’alternativa nel ruolo di play a Benalì. Devo decidere se farlo partire dall’inizio oppure inserirlo a gara in corso”.