Serie A, Chievo deferito per responsabilità diretta, il Crotone spera. Vrenna: staremo attenti

Gianni Vrenna

CROTONE – “Abbiamo appreso notizia del deferimento del Chievo e staremo attenti a quello che accadrà”. Lo ha detto il presidente del Crotone, Gianni Vrenna apprendendo, durante la conferenza stampa di presentazione del nuovo allenatore Giovanni Stoppa, la notizia del deferimento da parte dalla procura federale del Chievo Verona per plusvalenze fittizie. Deferimento, peraltro, per responsabilità diretta e oggettiva. Una vicenda questa che potrebbe significare anche una eventuale riammissione al campionato di Serie A per il Crotone nel caso di penalizzazione o mancata iscrizione del Chievo. Il Crotone nel passato campionato di Serie A si è classificato al terz’ultimo posto con 35 punti, mentre il Chievo è arrivato tre posizioni sopra i calabresi con 40 punti. “Staremo attenti a questa storia molto più che alle vicende del Parma perché in questo caso siamo tirati direttamente in ballo noi. Approfondiremo subito la notizia”.

Il presidente del Crotone ha anche parlato della vicenda dello stadio Ezio Scida per il quale scade a luglio l’autorizzazione della Soprintendenza archeologica per la tribuna coperta: “Sicuramente – dice Vrenna – abbiamo avuto la disponibilità da parte del Comune che ha autorizzato l’uso dello stadio per 9.000 spettatori. Domani incontreremo la Soprintendenza ed a breve ci sarà una riunione in Prefettura. Noi siamo ottimisti perché abbiamo fatto alcune indagini dalle quali si evince che i reperti non hanno subito alcun danno dalla struttura della tribuna coperta”.